Di trend e colori dell’automotive OEM coatings se ne è parlato durante il recente Color Show 2023 di PPG in un format studiato appositamente per le case auto partner della multinazionale. Il percorso alla scoperta delle 43 tonalità è ruotato attorno a Limitless, colore dell’anno 2024 individuato da PPG, un beige miele contemporaneo.

Queste tonalità possono essere declinate in progetti customizzati, non solo per le scocche ma anche per le componenti auto e ruote. «Parlare di colori dell’automotive nell’epoca contemporanea significa parlare di trend, ma anche raccontare l’evoluzione del ruolo che l’auto riveste, le aspettative emergenti e gli stili di mobilità in continuo mutamento» spiega Ramon Wichmann, PPG Styling Mgr Autoparts EMEA.

«Il colore oggi non è più “solo” la tinta della scocca, ma diventa espressione di un modo di vivere l’auto e dimostrarne il carattere. Si parla quindi di contrasti di colore e di abbinamento con le parti accessoriate dell’auto, il tutto per realizzare un progetto coerente, studiato nei dettagli minimi» approfondisce il manager.

Negli ultimi anni PPG ha rafforzato lo studio sul colore e sviluppato ulteriormente le tecnologie a beneficio delle possibilità di realizzazione di design, con varietà e contrasti sempre più ampi. Un esempio di questo percorso è paint film, la tecnologia di coating che trasferisce la vernice sulla vettura attraverso un processo applicativo speciale. Il valore differenziante è che si tratta di una vera e propria vernice trasferita come un una pellicola, pur essendo di fatto una vernice.

Altro focus primario di PPG è la digitalizzazione. A tre anni di distanza dall’annuncio in anteprima, PPG Automotive OEM Coatings ha accelerato il lancio di un programma di styling digitale per il settore automotive che comprende una “linea/figura di trasmissione” esclusiva, in grado di rappresentare con precisione lo stile dei colori dei modelli di auto.

L’esperienza digitale consente anche un grande vantaggio in termini di risparmio legato alle prove colori. Come spiega Rodolfo Saporiti, PPG Automotive Market Director, Italy «il fatto di poter fare delle prove digitali ci consente un grande vantaggio in termini di tempo e di processi più sostenibili e questo è possibile grazie all’abbattimento della realizzazione di continui campioni che sono necessari per arrivare al colore desiderato. Lo progettiamo prima in digitale e poi, solo in ultimo, passiamo alla realizzazione di campione veri e propri».

Ti potrebbero interessare...

I rivestimenti decorativi sono un’industria da milioni di euro, i rivestimenti decorativi mediante PVD, anche

Le novità dell’automotive OEM coatings di PPG

Le tecnologie antiaderenti e l’evoluzione del panorama dei rivestimenti per pentole e teglie a livello globale

PPG: le novità dell’automotive OEM coatings

Finiture Green presenta le nuove tavole delle finiture

Il verniciatore è un consulente

Tornano le finiture, arricchite da nuovi colori

Modifiche allo standard ISO 9227 (nebbia salina)

Facci sapere cosa ne pensi...
0 0 voti
Quanto ti è piaciuto l'articolo?
Attiva le notifiche ai commenti
Invia una mail quando ci sono nuovi commenti

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti