Tutti i rivestimenti antiaderenti per pentole e teglie possono essere suddivisi in due principali tecnologie: vernici a base di fluoropolimero oppure di silicone. Per anni, i rivestimenti realizzati con la tecnologia del fluoropolimero hanno stabilito lo standard per prestazioni antiaderenti a lungo termine, ma recenti interrogativi sulla loro sicurezza nel tempo hanno dato avvio a una serie di studi e regolamentazioni globali. Di conseguenza, l’uso della tecnologia dei rivestimenti al silicone è in aumento.

TECNOLOGIA AI FLUOROPOLIMERI (PTFE)

Questa tecnologia di rivestimento può utilizzare diversi tipi di composti a base di resina fluoropolimerica, che sono polimeri plastici solidi. I rivestimenti in PTFE mantengono la loro qualità antiaderente per molto più tempo rispetto a quelle solgel grazie a sostanze per- e polifluoroalchiliche (PFAS) a basso attrito e a lunga durata, composti chimici che sono stati ampiamente utilizzati in prodotti per i consumatori sin dagli anni ’40. I rivestimenti in PTFE sono principalmente utilizzati su pentole e piccoli elettrodomestici che devono conservare proprietà antiaderenti anche con un uso frequente o intensivo. Non contengono sostanze sotto restrizione d’uso in Europa.

TECNOLOGIA SOL-GEL (O CERAMICI)

Questa tecnologia a base d’acqua utilizza una resina siliconica sintetica che viene applicata su superfici metalliche appositamente preparate e poi polimerizzata in cottura. Tendono a perdere la loro caratteristica antiaderente prima rispetto ai rivestimenti in fluoropolimero e presentano una minore resistenza all’usura rispetto al PTFE.

I rivestimenti sol-gel offrono vantaggi interessanti rispetto a quelli in PTFE, tra cui temperature di indurimento più basse, temperature di utilizzo più elevate, una migliore protezione del substrato e una resistenza eccezionale alle macchie. Non contengono PFAS.

L’EVOLUZIONE DEI RIVESTIMENTI SOL-GEL: PPG FUSION PRO NON-PFAS

Per risolvere alcuni tipici difetti dei rivestimenti sol-gel (come la difficoltà di applicazione, la limitata gamma di colori, la resistenza inferiore ad alcuni agenti chimici, come i detergenti), PPG propone un prodotto che è l’evoluzione della tecnologia del silicone: i rivestimenti ceramici PPG Fusion Pro sol-gel non-PFAS, antiaderenti, progettati per soddisfare le mutevoli normative globali e migliorare i limiti esistenti della tecnologia al silicone, portandoli ad un livello superiore in termini di prestazioni antiaderenti e durata. Il risultato offre prestazioni che superano di gran lunga i concorrenti nella categoria dei rivestimenti sol-gel.

Tutte le prove alle quali sono state sottoposte le padelle rivestite con PPG Fusion Pro hanno dato risultati migliori rispetto ai prodotti sol-gel dei principali competitors.

I testi ai quali sono state sottoposte le padelle sono il test di shock termico, i testi di lavaggio in lavastoviglie, lo stress test meccanico, il test di resistenza alle macchie. Per maggiori dettagli sulla tecnologia PPG Fusion Pro vi invitiamo a scoprire il Talk “Innovation & Technology – Le nuove frontiere dei trattamenti di superficie” di mercoledì 25 ottobre al Museo della Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano, durante i P&E Coating Days.

Ti potrebbero interessare...

I rivestimenti decorativi sono un’industria da milioni di euro, i rivestimenti decorativi mediante PVD, anche

Le novità dell’automotive OEM coatings di PPG

Le tecnologie antiaderenti e l’evoluzione del panorama dei rivestimenti per pentole e teglie a livello globale

PPG: le novità dell’automotive OEM coatings

Finiture Green presenta le nuove tavole delle finiture

Il verniciatore è un consulente

Tornano le finiture, arricchite da nuovi colori

Modifiche allo standard ISO 9227 (nebbia salina)

Facci sapere cosa ne pensi...
0 0 voti
Quanto ti è piaciuto l'articolo?
Attiva le notifiche ai commenti
Invia una mail quando ci sono nuovi commenti

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti