Interall

UN’OPPORTUNITÀ UNICA PER APPROFONDIRE LA CONOSCENZA E FARE BUSINESS

BOLOGNA 19-23 SETTEMBRE 2023

Più di 80 relatori altamente qualificati provenienti da aziende, università e associazioni di oltre 30 paesi si sono dati appuntamento (come ormai avviene ogni due anni dal 1990) per presentare le tecnologie e le applicazioni più innovative nel campo dell’alluminio.

Aluminium Two Thousand è diventato un momento d’incontro insostituibile per tutti gli operatori del settore. Ma com’è nato?

Lo chiediamo al suo ideatore, Walter Dalla Barba, CEO di Italtecno (Fiorano Modenese), presidente di Interall e di Aluminium Two Thousand World Congress.

«Negli anni Ottanta, partecipando ai congressi internazionali dedicati ai trattamenti superficiali e alle tecniche di estrusione, mi sono chiesto perché all’alluminio fosse riservato soltanto un posto fra i tanti, nonostante sia il metallo più utilizzato, dopo il ferro, per la fabbricazione di milioni di prodotti.

Così, verso la fine del 1988, di ritorno dal congresso di Parigi Interfinish, parlando con un giornalista che collaborava con Italtecno da tanti anni, Velello Muratori, e con un altro mio socio, abbiamo deciso di organizzare noi un congresso che rendesse onore a questo nobile metallo: abbiamo stabilito la data della prima edizione, marzo 1990, e il titolo, Aluminium Two Thousand, visto che andavamo verso gli anni Duemila. Non potevamo sapere se sarebbero intervenute dieci o cento persone a Modena all’Hotel Raffaello, invece ne arrivarono circa duecento, nonostante qualche arabo avesse deciso di non venire perché nella nostra città “non c’era un hotel a cinque stelle”. Questo mi fece però capire che avevamo attirato un target di alto livello e che quindi il nostro congresso avrebbe dovuto rispondere alle aspettative, convocando manager e imprenditori delle più importanti industrie del settore in Italia e negli altri paesi produttori. E abbiamo avuto successo non solo dal punto di vista scientifico, ma anche per le attività collaterali che abbiamo organizzato. Dal 1990, tutte le iniziative che abbiamo offerto – dalla cena di gala alle gite alle attività per accompagnatori, come la cooking class, che piace molto agli americani – sono state sempre più seguite e richieste».

CHI SONO I RELATORI DEL CONGRESSO?

«A seconda degli argomenti, abbiamo convocato tecnici di aziende di estrusione, anodizzazione, verniciatura e fonderia di alluminio, ma anche economisti, come il professor Cesare Garzia della Bocconi, che esporranno le loro analisi sull’andamento e le prospettive sia del settore dell’alluminio sia della congiuntura economica generale. Si parlerà dei differenti ambiti di applicazione degli estrusi, di problematiche delle leghe usate per i vari settori e dell’impiego dell’alluminio in architettura, nell’automotive, nei trasporti, nella bigiotteria e nell’arredamento. Tra l’altro al Salone del Mobile abbiamo visto quanto l’alluminio stia diventando di tendenza nel design dei mobili sia in casa sia in ufficio. Sarà dato ampio spazio alle tecnologie innovative, in combinazione con la ricerca universitaria».

A proposito, voi siete riusciti a fare incontrare università e industria attraverso la sinergia con l’International Conference on Extrusion and Benchmark (ICEB), il più grande evento in Europa legato ai più recenti sviluppi sulla tecnologia di estrusione e alla sua analisi tramite simulazione FEM. Quando è incominciata la collaborazione con l’ICEB?

«Tutto è nato nel 2003, quando alcuni ricercatori del Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Bologna sono venuti al nostro congresso, che quell’anno si svolgeva a Roma. Quindi, a partire dalla 6° edizione, ospitiamo l’International Conference on Extrusion and Benchmark, dove intervengono ricercatori di vari paesi. Sono fiero di avere contribuito a favorire il tanto auspicato scambio tra università e industria, in un contesto costruttivo e in un clima di amicizia fra ambiti differenti».

QUAL È IL PROGRAMMA QUEST’ANNO?

Si terranno tre sessioni parallele per tre giorni interi di approfondimenti dettagliati, i cui papers saranno esaminati dal comitato scientifico del convegno, al fine di selezionare gli studi e le ricerche più innovativi, le più recenti applicazioni industriali e i casi di studio più interessanti.

Inoltre, ogni giorno si terranno eventi d’intrattenimento, sia per i partecipanti che per i loro accompagnatori, per assicurare un piacevole soggiorno a Bologna e massimizzare le opportunità d’incontro.

Per leggere l’elenco preliminare dei titoli e degli speaker, così come il programma sociale, visitare il sito

www.aluminium2000.com

Ti potrebbero interessare...

Formazione per tecnici di oggi e di domani, senza perdere ore di lavoro

P&E Express: il formato ridotto e itinerante della manifestazione autunnale milanese P&E Milano Coating Days

Pipeline&Gas Expo, Piacenza (Italia), 29 – 31 maggio 2024

Behind the Scenes, l’evento di Finiture Green experience per la Milan Design Week

A Firenze il primo finiture green experience, appuntamento 2024 del programma focalizzato sul design delle finiture

Gic 2024: tutto pronto per la quinta edizione dell’appuntamento internazionale dedicato al calcestruzzo. Piacenza, 18-20 aprile

In Spagna il primo Anver Tour 2024

P&E Coating Days Milano scalda i motori per l’edizione 2024

Facci sapere cosa ne pensi...
0 0 voti
Quanto ti è piaciuto l'articolo?
Attiva le notifiche ai commenti
Invia una mail quando ci sono nuovi commenti

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti