Cesare Montesano
Co-coordinatore dell’ISM

La decima edizione dell’ISM (Industrial Short Master del Politecnico di Milano) si è appena conclusa con grande soddisfazione dei partecipanti, delle aziende, delle altre università partecipanti e degli organizzatori. Ormai si può definire un network che collega gli studenti di diverse università (cosa non scontata) alle numerose aziende che sponsorizzano e collaborano con i loro esperti, per promuovere le tecnologie più moderne e sostenibili, e al mondo accademico. Tanti collaboriamo, a livello nazionale ed anche estero (ci siamo collegati con esperti aziendali in Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti), dal nord al sud dello stivale, per affrontare le nuove sfide riguardo il trattamento dei metalli, dalla preparazione alla verniciatura (non solo protezione ma anche decorazione).

Si analizzano tecnologie industriali e prodotti, utilizzati nei diversi settori: automotive, OEM, profili e facciate d’alluminio, elettrodomestici, arredamento metallico e carpenterie in genere. Numerosi docenti universitari, con lezioni nelle varie sedi (6 università) affrontano tematiche diverse con decine di aziende leader del mercato, che non lesinano nella presentazione delle loro tecnologie e dei progetti futuri, sulla sostenibilità, circolarità e decarbonizzazione. Quest’anno abbiamo visto la partecipazione di circa 80 studenti e neolaureati (gratuitamente, grazie alle sponsorizzazioni) e circa venti tecnici di aziende all’avanguardia e che investono nella formazione (tema spesso snobbato dalla maggior parte delle aziende medio piccole, come se loro non ne avessero bisogno. A fine corso, svolto sia nelle sedi universitarie che nelle aziende abbiamo consegnato circa 60 attestati ai partecipanti del corso completo, dopo la presentazione degli elaborati con i quali hanno potuto dimostrare il loro apprendimento. Ai migliori del corso completo sono stati consegnati 4 bonus quale premio per il loro impegno, comunque molto alto da parte di tutti i partecipanti (studenti e tecnici delle aziende).

Quanto lavoro e impegno da parte di tutti per ottenere e soddisfare le esigenze che ognuno di noi ha, conciliando i problemi delle distanze il non accavallarsi delle lezioni ed altro! Certo quest’anno abbiamo sperimentato nuove tecniche di comunicazione, così oltre alla presenza (soluzione preferita e consigliata per molti motivi) c’era la soluzione da remoto, per fare in modo che potessero collegarsi (a livello nazionale) tutti i partecipanti, anche quelli provenienti da numerose università che si sono aggiunte a quelle organizzatrici. Per ultimo, ma molto importante, quasi tutti i moduli sono stati registrati e quindi chi non poteva partecipare in diretta ha avuto l’opportunità di scegliere la soluzione in asincrono, potendo così conciliare i vari impegni universitari e lavorativi, non dovendosi assentare dal posto di lavoro. Non mi sembra poco, ma dobbiamo esprimere un grade ringraziamento a coloro che hanno creduto in noi e che ci daranno la possibilità di proseguire questa bella esperienza, motivata dall’amore per il lavoro per l’insegnamento e la conoscenza da parte di chi si affaccia al mondo del lavoro per la prima volta. Siamo già pronti per la prossima edizione, la n° 11: il programma è scaricabile dal sito di Poliefun (Politecnico di Milano) che, insieme ad altri, organizzano questo master industriale, breve ma intenso ed unico nel suo genere.

Ti potrebbero interessare...

Formazione per tecnici di oggi e di domani, senza perdere ore di lavoro

P&E Express: il formato ridotto e itinerante della manifestazione autunnale milanese P&E Milano Coating Days

Pipeline&Gas Expo, Piacenza (Italia), 29 – 31 maggio 2024

Behind the Scenes, l’evento di Finiture Green experience per la Milan Design Week

A Firenze il primo finiture green experience, appuntamento 2024 del programma focalizzato sul design delle finiture

Gic 2024: tutto pronto per la quinta edizione dell’appuntamento internazionale dedicato al calcestruzzo. Piacenza, 18-20 aprile

In Spagna il primo Anver Tour 2024

P&E Coating Days Milano scalda i motori per l’edizione 2024

Facci sapere cosa ne pensi...
0 0 voti
Quanto ti è piaciuto l'articolo?
Attiva le notifiche ai commenti
Invia una mail quando ci sono nuovi commenti

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti