Durante l’anteprima digitale del biennale Color Show, PPG svela le 5 palette cromatiche che danno vita a 80 colori, nuance che risaltano la luminosità quale nuovo trend simbolico e in grado di esprimere qualità e ricerca della bellezza.

PPG conferma anche per il 2020 l’appuntamento biennale con il Color Show e sceglie il formato digitale per presentare in anteprima le nuove palette del gruppo che coloreranno le auto di domani sotto il macro-progetto Extra-Ordinary.

In un momento fortemente influenzato dal contesto che stiamo vivendo indubbiamente complesso, PPG vuole essere al fianco del nostro Paese immettendo sul mercato prodotti che valorizzino il binomio qualità-bellezza per guidare le case automobilistiche e gli italiani verso il futuro cromatico dell’auto.

Il settore dell’automotive è storicamente importante per PPG e continua ad essere strategico, anche in questo anno particolare. PPG ha infatti la missione di rivestire una posizione unica come partner dell’industria automobilistica, affiancandola lungo la trasformazione in atto grazie a un ecosistema di tecnologie e prodotti all’avanguardia da collanti e sigillanti, da vernici protettive e anticorrosione fino a vernici decorative. I clienti PPG e l’industria automobilistica stanno guidando due profondi passaggi, il primo quello dell’elettrificazione e il secondo quello della guida autonoma, due direttive in cui PPG vuole essere presente e attiva. Nel primo caso mettendo a disposizione materiali vernicianti e di rivestimento per la fabbricazione delle batterie o “battery pack” in cui PPG sta supportando sia l’automotive OEM (Original Equipment Manufacture) che i produttori di batterie e componenti nell’accelerare lo sviluppo delle soluzioni economiche di accumulo di energia per autoveicoli e veicoli commerciali del futuro. PPG propone vernici adatte a diversi substrati e una tecnologia del colore per ridurre il riscaldamento dell’abitacolo in estate e il consumo necessario per la climatizzazione. Nel secondo caso introducendo principi formulativi che consentono di creare colori compatibili con i sensori radar LiDAR richiesti dalla guida assistita nonché prodotti vernicianti per le infrastrutture che facilitano una sicura guida autonoma, come i segnali stradali.

Inoltre, non possiamo dimenticare un terzo filone, il car sharing che, soprattutto alla luce dell’emergenza sanitaria e con un’attenzione particolare verso la sicurezza, porterà PPG ad aprire nuovi orizzonti considerando le vernici con funzionalità antimicrobica un obiettivo importante su cui i tecnici in Ricerca e Sviluppo di PPG saranno impegnati a lavorare.

«Siamo felici di rinnovare l’appuntamento con il Color Show, che in questa occasione è in un formato nuovo, digitale. In un anno particolare anche per l’automotive vogliamo essere vicini ai player dell’industria e supportarli nell’affrontare nuove esigenze emergenti, lavorando insieme per anticipare futuri bisogni. Il gruppo vuole contribuire continuando a portare innovazione, digitalizzazione e creatività attraverso la proposta di una nuova gamma colori, risultato dell’impegno profuso in termini di studio, analisi e valore per il mercato dell’automotive. Uniamo la capacità di ricerca con la nostra finalità “We Protect and Beautify the World”, perché vogliamo portare il bello e la qualità nei diversi settori in cui operiamo e nel mondo in cui le persone vivono ogni giorno», commenta Rodolfo Saporiti, PPG Global Account Director FCA & Automotive Market Director, Italia.

IL PROGETTO DIGITALE

Con la costante ricerca, la capacità di innovare e l’attenzione verso le necessità contemporanee, PPG unisce l’expertise globale nel colore con le potenzialità del digitale per proporre un progetto che permette di mostrare i colori in modo tridimensionale, creando esperienze coinvolgenti e sempre più vicine alla realtà. PPG ha sviluppato un modello digitale di auto dove si visualizza il colore su forme concave e convesse, su spigoli e cambi repentini di inclinazione. La lettura e scansione diretta delle vernici PPG genera poi dei file utilizzabili per verniciare il modello virtuale e restituire il tutto sulla forma.

Il progetto, che si traduce in uno strumento di supporto sia alla progettazione cromatica che al cliente, è iniziato dieci mesi fa e su esso PPG continuerà a lavorare, anche per consentire nuovi progetti cromatici vissuti “a distanza”.

«Siamo molto orgogliosi di questo nuovo progetto digitale al quale abbiamo lavorato di concerto con il team globale per oltre dieci mesi, già prima della pandemia, e che testimonia ancora una volta il grande lavoro di ricerca e propensione al futuro che fa parte del DNA del gruppo. Per ogni nuovo colore abbiamo realizzato una versione digitale in modo che possa essere facilmente renderizzato dai nostri clienti sui loro modelli di veicoli – spiega Federico Menta, PPG Global Director Automotive OEM Coatings «Questo è solo l’inizio di un programma ambizioso. La nostra visione è far leva sugli strumenti digitali per aumentare la cooperazione con i nostri clienti e supportarli in un processo di eccellenza e qualità continua. L’innovazione è infatti il cuore della nostra strategia di gruppo e proprio su di essa si spiega il nostro impegno, che si traduce in un continuo investimento in Ricerca & Sviluppo».

LA PALETTE CROMATICA

Il progetto PPG si ispira a cinque aree tematiche che guidano il quotidiano delle persone: la consapevolezza “so conscious” di essere parti attive dei cambiamenti, l’etica “so ethical”, vista come un atteggiamento da adottare ogni giorno e che intreccia la contemporaneità intesa come sostenibilità e attenzione agli sprechi, ma anche sguardo al futuro che nell’auto non può prescindere dalla mobilità elettrica, la normalità “so normal”, un concetto che mai più di quest’anno è nuovo e fa rima con resilienza, la bellezza “so beautiful”, che non deve e non può mancare nel vissuto e che valorizza le specificità del genius loci come trademark d’eccellenza e infine, l’audacia “so bold”, quella spinta a vedere con ottimismo il futuro a discapito delle avversità.

«La nostra proposta colore è il frutto di un lavoro di studio e analisi che coinvolge l’attualità e vuole trasmettere emozioni. Siamo convinti che in un anno così particolare ed emotivamente impegnativo come questo, la parola d’ordine sia luminosità, un tema che diventa simbolico di una speranza che tutti nutriamo. Una luce che traspare anche nei toni più cupi e che dà unicità al colore in tutti gli ambiti, con un fil rouge che chiamiamo “ONE PPG” e che si fa portavoce di un percorso coerente e unico fra automotive, architettura e tutti i settori in cui operiamo» dichiara Daniela Nicolelli, PPG Styling Center Manager Automotive, Italia.

Con Extra-Ordinary PPG declina i cinque concetti in cinque palette, dando vita a 80 colori che parlano di luminosità, espressa in un gioco di cangianze, chiaroscuri accentuati e metallizzazioni fluide che permettono di arrivare a nuove e inaspettate nuance. Fra le colorazioni predominano i toni caldi (marroni e ossidi) che spaziano da accenti decisi a neutri colorati e danno calore anche all’area dei grigi medio-scuri con sfumature ramate e interferenze blu indaco.

C’è spazio per i rosa polverosi che volgono al caldo e gli azzurri e i rossi esplorano i terreni a confine fra rosa e arancio. Immancabile, il bianco assume diverse finiture.

Di seguito le nuance nel dettaglio appartenenti ai filoni tematici:

1. So conscious: tonalità medie o medio/ chiare e tinte “di confine”. Le finiture sono metalliche o ceramiche con flop evidenti. I toni sono prevalentemente caldi e desaturi a cui si affiancano azzurri polverosi. I neutri sono colorati in varianti medie e medio/chiare e i medi si identificano nell’area del petrolio, del rame e del bronzo.

2. So ethical: marrone, terracotta, sabbia rosata e ocra trovano spazio in questa palette, il verde è nella sua veste più calda e vira verso il giallo. Le finiture spaziano da metallescenti a micalizzate, stemperando la loro densità a vantaggio di un aspetto più attuale.

3. So normal: le aree cromatiche sono equamente divise tra toni caldi e freddi e di media saturazione. I due gruppi colore prevalenti sono quelli dei naturali caldi e dei blu ingrigiti entrambi caratterizzati da una sorprendente luminosità.

4. So beautiful: i punti colore spaziano dal verde con viraggi verso il giallo, fluido colorato e dall’aspetto “laccato”, al blu profondo, dall’arancio metallico e luminoso ad un malva decisamente cangiante ed elegante.

5. So bold: toni saturi, direttamente derivati dai colori primari di cui interpretano rosso (con fiamma aranciata o classico), giallo e blu (dal classico fino alla versione acquatica).

Outsider il nero che prende forza con effetti olografici sul punto luce e una profondità intensa di fondo. Toni brillanti e vivaci sono espressione di ottimismo ed energia positiva.

ULTIMI ARTICOLI


Recenti sviluppi nelle nanotecnologie di pretrattamento

Recenti sviluppi nelle nanotecnologie di pretrattamento

Rivestimenti organici di elevata qualità per calcestruzzo, cemento armato e altri materiali cementizi con vernici ultraviolette

Rivestimenti organici di elevata qualità per calcestruzzo, cemento armato e altri materiali cementizi con vernici ultraviolette

Verniciatura Industriale 638

Verniciatura Industriale 638

Azoto per eliminare l’acqua rimasta nel film dopo spruzzatura di vernici idrosolubili in ambiente di elevata umidità

Azoto per eliminare l’acqua rimasta nel film dopo spruzzatura di vernici idrosolubili in ambiente di elevata umidità