I 508,4 milioni di euro del bando “Isi 2023” – si legge in una nota Inail pubblicata lo scorso 20 dicembre 2023 – rappresentano l’importo più alto stanziato nelle 14 edizioni dell’iniziativa, attraverso la quale l’Inail, a partire dal 2010, ha destinato complessivamente al sistema produttivo oltre 3,5 miliardi a fondo perduto per contribuire alla realizzazione di progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Numerose le novità che sono state introdotte rispetto al bando precedente, con l’obiettivo di migliorare l’efficacia degli interventi realizzati e di semplificare la procedura di accesso al contributo, a partire dalla rimodulazione dei cinque assi di finanziamento in cui sono suddivisi i fondi.

Il bando prevede cinque assi di finanziamento [riportiamo solo quelli attinenti al campo di attività delle aziende che hanno attinenza con il lavoro dei nostri lettori, ndr]:
Al primo asse generalista – prosegue la nota Inail – sono destinati più di 98 milioni di euro, suddivisi in 93,4 milioni per la prevenzione del rischio chimico e di quelli legati al rumore, alle vibrazioni e alla movimentazione manuale di persone e carichi (asse 1.1) e in 5 milioni per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale (asse 1.2).
Eliminate le tipologie di intervento meno richieste, che presentavano maggiori difficoltà nella fase di presentazione delle domande, il secondo asse, al quale sono destinati 140 milioni di euro, è ora dedicato alla prevenzione dei rischi infortunistici, come quelli derivanti dalle cadute dall’alto, dalle lavorazioni in spazi confinati e/o sospetti di inquinamento e dall’utilizzo di macchine obsolete.
Il terzo asse di finanziamento continua a riguardare i progetti di bonifica da materiali contenenti amianto, con un incremento dei fondi a disposizione rispetto al bando precedente, da 86,5 a 100 milioni di euro.
Il quarto asse, invece, da monosettoriale diventa multisettoriale. Gli 80 milioni stanziati con il nuovo bando, infatti, saranno destinati alle micro e piccole imprese che operano in diversi settori dell’industria manifatturiera.

[…] Un’altra novità del nuovo bando è rappresentata dall’incremento dell’importo massimo erogabile, che è stato portato a 130mila euro per tutte le tipologie di intervento. Per semplificare la procedura di accesso ai finanziamenti e fornire assistenza alle aziende interessate è stato inoltre creato un punto di contatto digitale (touchpoint) che fornisce agli utenti una visione unitaria e integrata di tutte le informazioni, dallo stato di lavorazione della propria domanda alla cronologia di tutta la corrispondenza intercorsa con l’Istituto.

I fondi, ripartiti per regione e provincia autonoma, saranno assegnati fino a esaurimento secondo l’ordine cronologico di arrivo delle domande nelle date di apertura e chiusura della procedura informatica, che saranno pubblicate entro il 21 febbraio 2024 nella sezione del sito Inail dedicata al bando Isi 2023. Fanno eccezione le domande che rientrano in uno specifico elenco regionale di un determinato asse, il cui stanziamento sia sufficiente a soddisfare tutte le richieste, che saranno ammesse direttamente alla fase di caricamento della documentazione. Destinatarie degli incentivi sono le imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura […].

Ti potrebbero interessare...

Imprenditrici dei trattamenti delle superfici nel mondo industriale italiano

Export. I dati Sace

Bonus pubblicità 2024

Importanza dei trattamenti delle superfici nel mondo industriale italiano

Corso ispettori e supervisori dei cicli protettivi. Contenuti e opportunità professionali

Laboratori per i trattamenti delle superfici

Ricerca responsabile impianto

Salute e sicurezza: nuovo bando di finanziamento Inail (ISI 2023). Caratteristiche e novità

Facci sapere cosa ne pensi...
0 0 voti
Quanto ti è piaciuto l'articolo?
Attiva le notifiche ai commenti
Invia una mail quando ci sono nuovi commenti

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti