UN PROGETTO A LUNGO TERMINE PER MANTENERE ELEVATI GLI STANDARD QUALITATIVI DELLA VERNICIATURA A POLVERE

COLORTECHNOLOGY È UN’AZIENDA DI VERNICIATURA A POLVERE PER CONTO TERZI CON SEDE A TRAVAGLIATO IN PROVINCIA DI BRESCIA, CHE DAL 2004 INVESTE IN INNOVAZIONE PER OFFRIRE UN SERVIZIO EFFICIENTE E QUALITATIVAMENTE IMPECCABILE. LA RECENTE INSTALLAZIONE DI UNA CABINA WAGNER DI ULTIMA GENERAZIONE E DI ALTRE TECNOLOGIE ALL’AVANGUARDIA, È LA PROVA DI QUESTO AMBIZIOSO OBIETTIVO CHE L’AZIENDA SI IMPEGNA A PERSEGUIRE CON COSTANZA

Colortechnology viene fondata nel 2004 da Maurizio Medeghini, tuttora titolare, che, forte di trent’anni di esperienza nel mondo della verniciatura a liquido, decide di approcciare il mondo della verniciatura a polvere fortemente intenzionato a conferire un valore aggiunto a questo settore. Oggi l’azienda, certificata ISO 9001 e 14000 è specializzata nella verniciatura a polvere prevalentemente di alluminio pressofuso impiegato in diversi comparti: dall’illuminazione all’arredamento, dall’automotive all’agricoltura, dal fotovoltaico all’elettronica e molto altro.

Il sito produttivo di Travagliato (una collocazione pensata perché ben collegata con le arterie stradali principali, nonché in loro prossimità), occupa circa 6.000 m2 di cui la metà coperti. «Puntiamo tutto sulla forza della squadra -ci racconta Elena Piccinelli, responsabile commerciale di Colortechnology-, composta da professionisti qualificati in grado di garantire precisione, puntualità, disponibilità e assistenza. La flessibilità e l’entusiasmo che ci caratterizza ci ha sempre spinto ad accogliere positivamente le nuove sfide, senza preclusioni».

LA PRODUZIONE

La catena produttiva comincia con le operazioni di preparazione alla verniciatura dei pezzi laddove richieste (come ad esempio la mascheratura), effettuate in un’apposita area, per poi proseguire alla zona di carico su specifici telai a seconda dei manufatti da trattare.
I pezzi convogliano in seguito al tunnel di pretrattamento a 7 stadi più nebulizzazione con soluzione nanotecnologica e nello
specifico:

  • Sgrassaggio alcalino,
  • Risciacquo con acqua di rete
  • Risciacquo con acqua di rete
  • Disossidante acido
  • Risciacquo con acqua di rete
  • Risciacquo semi – osmotizzato
  • Risciacquo osmotizzato.

Una volta terminato il processo di pretrattamento, i pezzi entrano nel forno di asciugatura in cui permangono circa 10 minuti a 120 °C.

I manufatti sono, a questo punto, pronti per essere verniciati all’interno della cabina Wagner di ultima generazione, una soluzione su misura (si consideri lo scanner in entrata per il riconoscimento dei pezzi e quindi dei programmi di verniciatura, ma anche dell’ampiezza delle pedane per il pre e il post ritocco) dotata di 2 reciprocatori con 8 pistole ciascuno e di due postazioni per i ritocchi.

Alla cabina di verniciatura è associato il Supercenter Evo, tecnologia anch’essa sviluppata da Wagner per il cambio colore rapido e senza contaminazione da un processo all’altro.

Terminate le operazioni di rivestimento, i manufatti entrano nel forno di polimerizzazione, in cui permangono circa 20 minuti, a 180° C e, a seguire, convogliano alla zona di raffreddamento e scarico.

Per facilitare il raffreddamento, soprattutto nei mesi estivi, sono stati installati dei raffrescatori ad acqua in grado o di aspirare il calore o di diffondere particelle che abbassano la temperatura dei manufatti.

CONCLUSIONI

«Digitalizzare un’azienda significa prima di tutto prendere coscienza dei cambiamenti in atto e delle esigenze che portano con sé – conclude Elena Piccinelli: oggi innovazione non vuol dire soltanto novità, bensì gestione intelligente dei dati e loro elaborazione per un risparmio a 360°. Per attuare questo tipo di progetto occorre collaborare con partner che ne condividano il valore e siano disposti a trovare le soluzioni più efficienti per la sua realizzazione.

Caratteristiche che abbiamo trovato in Wagner, una scelta guidata non solo dalla qualità del prodotto, ma soprattutto dal servizio e dell’assistenza offerti».

Ti potrebbero interessare...

Influenza del gas vettore sull’efficienza del processo di verniciatura a polvere: caso studio su infissi e outdoor living

La sverniciatura chimica come alternativa a quella pirolitica: Il caso di Sabiana

Nuovo impulso e nuove tecnologie per la sverniciatura criogenica

I serramenti di plastica si possono personalizzare con la verniciatura

Focus sui rivestimenti PVD

Un nuovo indurente epossidico stabilisce un nuovo standard industriale per l’indurimento ultrarapido dei rivestimenti protettivi

Un primer conduttivo a polveri per la perfetta adesione della finitura nei cicli bistrato

Materie prime sostenibili per innovare le vernici

Facci sapere cosa ne pensi...
0 0 voti
Quanto ti è piaciuto l'articolo?
Attiva le notifiche ai commenti
Invia una mail quando ci sono nuovi commenti

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti