a cura di Chemtec

Per il pretrattamento sugli impianti di Fraver Chemtec fornisce un fosfatante (PHOSTRI TTS3), studiato per ottenere sui pezzi trattati un rivestimento uniforme di fosfato di ferro amorfo di colore bluastro, formando una base di aggrappaggio della vernice e fornendo una buona resistenza alla corrosione. Il peso dello strato del fosfato può variare da 0,4 a 0,6 gr/m2, a seconda del tempo di contatto e del tipo di metallo trattato. Il prodotto viene usato insieme alla parte sgrassante (DNAD NOF), che permette di sgrassare perfettamente e ha il vantaggio di essere molto meno schiumogeno rispetto ad altri prodotti. Questo è molto importante in una monocamera dove i risciacqui tendono ad inquinarsi più facilmente.

Chemtec ha fornito il sistema di sgrassaggio e pretrattamento con un sistema di pompe dosatrici. Per ognuno dei due impianti, infatti, le pompe installate sono controllate da una centralina in modo da aggiungere i due prodotti nella giusta proporzione in base al pH del bagno.

UNA CURIOSITÀ

Per mantenere efficiente il tunnel e evitare spiacevoli contaminazioni, i tecnici di Chemtec hanno suggerito a Fraver di effettuare una pulizia periodica profonda dei tunnel di pretrattamento. È infatti importante effettuare periodicamente una manutenzione degli impianti. Grazie ai prodotti Chemtec il tunnel è stato riportato a uno stato ottimale cosa che l’ha reso molto più efficiente. Il prodotto usato si chiama Defos AK-01. Non essendo un prodotto acido come i comuni detartranti può essere usato anche per pulire impianti in ferro o in lamiera zincata.

Con questo prodotto viene effettuata la pulizia a caldo (tra 30° e 60°C) degli impianti di fosfatazione, di lavaggio e di cabine di verniciatura. Può essere usato per la rimozione dei fanghi di fosfatazione e morchie da tunnel, macchine di lavaggio, resistenze e sistemi di aspersione con rampe dotate di ugelli e permette una dissoluzione molto rapida dei fanghi di fosfatazione, senza alterare le parti metalliche del tunnel.

Ti potrebbero interessare...

La sverniciatura chimica come alternativa a quella pirolitica: Il caso di Sabiana

Nuovo impulso e nuove tecnologie per la sverniciatura criogenica

I serramenti di plastica si possono personalizzare con la verniciatura

Focus sui rivestimenti PVD

Un nuovo indurente epossidico stabilisce un nuovo standard industriale per l’indurimento ultrarapido dei rivestimenti protettivi

Un primer conduttivo a polveri per la perfetta adesione della finitura nei cicli bistrato

Materie prime sostenibili per innovare le vernici

Anidride carbonica per lavare le superfici

Facci sapere cosa ne pensi...
0 0 voti
Quanto ti è piaciuto l'articolo?
Attiva le notifiche ai commenti
Invia una mail quando ci sono nuovi commenti

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti