Ripol
Sviluppi tecnici di prodotto per cicli bistrato a polveri.

Quando si riscontrano problemi di adesione della finitura dopo l’utilizzo di un primer e si ricerca un prodotto capace di garantire un’eccellente protezione alla corrosione, una soluzione ideale è quella messa a punto da Ripol, un primer conduttivo epossidico in polvere (Ripol 22LN1G61092).
Il nuovo prodotto fa parte della serie Conductive, una polvere a base di resine epossidiche, sviluppata per ridurre al minimo le scariche elettrostatiche (ESD) e garantire un effetto barriera attivo per un elevato potere anticorrosivo.
L’uso del nuovo primer permette la formazione di un film conduttivo che favorisce un ottimo legame con il substrato e migliora l’adesione alla sovra-verniciatura, garantendo l’ancoraggio completo della seconda mano, favorendo inoltre l’applicazione di film a spessore più elevato. Il primer è facile da applicare ed è ideale su acciaio, ghisa (substrati porosi e leghe) e substrati zincati o elettrozincati.
Per la protezione ottimale dei manufatti esposti a condizioni ambientali severe si utilizza in cicli doppio-strato in combinazione con i rivestimenti in polvere poliestere Ripol (serie 5 e 6).

Il nuovo primer epossidico conduttivo, disponibile a magazzino in colore nero, liscio opaco, offre i seguenti vantaggi:

  • eccellente conduttività
  • perfetta adesione della finitura
  • effetto barriera attivo per un elevato potere anticorrosivo
  • protezione contro la corrosione filiforme
  • facilità di applicazione
  • eccellenti proprietà meccaniche
  • ottima copertura dei bordi.

Le aree d’uso principale per questo prodotto sono le seguenti:

  • architettura metallica
  • arredo urbano
  • parti di telaio automotive e rimorchi di camion
  • attrezzature agricole
  • macchine movimento terra
  • barriere e strutture metalliche.

Si applica su substrati metallici diversi:

  • acciaio
  • acciaio zincato ed elettrozincato
  • ghisa e substrati porosi.

Naturalmente, il substrato deve essere adeguatamente preparato, sgrassato e asciutto. La preparazione del metallo deve essere adatta al tipo di supporto e al livello di protezione anticorrosione richiesto, per esempio:

Acciaio:
Trattamento chimico: sgrassaggio, fosfatazione al ferro o zinco o similari, lavaggio e asciugatura.
Trattamento meccanico: sabbiatura SA 2,5 – Rugosità 6-10 μm.

Acciaio Zincato:
Trattamento meccanico: levigatura fino a rimuovere uno strato superficiale leggero di zincatura.

Ti potrebbero interessare...

Influenza del gas vettore sull’efficienza del processo di verniciatura a polvere: caso studio su infissi e outdoor living

La sverniciatura chimica come alternativa a quella pirolitica: Il caso di Sabiana

Nuovo impulso e nuove tecnologie per la sverniciatura criogenica

I serramenti di plastica si possono personalizzare con la verniciatura

Focus sui rivestimenti PVD

Un nuovo indurente epossidico stabilisce un nuovo standard industriale per l’indurimento ultrarapido dei rivestimenti protettivi

Un primer conduttivo a polveri per la perfetta adesione della finitura nei cicli bistrato

Materie prime sostenibili per innovare le vernici

Facci sapere cosa ne pensi...
0 0 voti
Quanto ti è piaciuto l'articolo?
Attiva le notifiche ai commenti
Invia una mail quando ci sono nuovi commenti

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti