Il gruppo Argos ST, specializzato in trattamenti e rivestimenti delle superfici presta particolare attenzione al rispetto delle normative vigenti e al miglioramento dei propri standard di sostenibilità e di tutela ambientale. Questo impegno è valso l’ottenimento di diverse certificazioni ISO: in particolare, grazie a una squadra di lavoro composta da Serena Roberti, responsabile del sistema di gestione di gruppo, Viola Mengolini e Christian Musacchio, responsabili dei sistemi di gestione di sito, e alla consulenza di Nicola Orsini, lo stabilimento di Calcio (BG) ha recentemente certificato i propri sistemi di gestione secondo gli standard ISO 14001, ISO 45001 e rinnovato la certificazione di conformità secondo ISO 9001, mentre lo stabilimento di Imola (BO) ha conseguito le certificazioni di conformità secondo ISO 9001, ISO 14001 e ISO 45001 in soli quattro mesi, superando gli audit con zero non conformità.

Lo stabilimento di nichelatura di Calcio (BG) nel 2002 ha ottenuto per la prima volta la certificazione del proprio sistema di gestione qualità secondo ISO 9001, che permette di valutare il grado d’efficacia ed efficienza dei processi interni, ma anche il livello di soddisfazione e di fidelizzazione della clientela. Trattandosi di un riconoscimento ottenuto con procedure ad oggi ormai obsolete, la squadra di lavoro dedicato ha avviato, a partire dal 1° settembre 2023, il processo di rinnovo di tale certificazione, conclusosi con successo proprio lo scorso dicembre. Inoltre, in soli quattro mesi, lo stabilimento ha ottenuto la certificazione ISO 14001, il riferimento normativo per le aziende e le organizzazioni che dispongono, o intendono dotarsi, di un sistema di gestione ambientale, e la ISO 45001, relativa ai sistemi di gestione della salute e sicurezza dei lavoratori che, per legge, devono saper rispondere a esigenze di lungo periodo, dimostrando l’impegno dell’azienda in tema di responsabilità sociale.

Lo stabilimento di anodizzazione e anodizzazione colorata Argos Lualma di Imola a settembre 2023 era ancora privo dei documenti e delle procedure necessarie per certificare la loro conformità agli standard ISO di riferimento per i diversi sistemi di gestione sopraccitati. L’attenzione del gruppo Argos ST alla dimensione della qualità, tutela ambientale e sicurezza ha convinto della necessità di richiedere l’intervento della squadra di lavoro del gruppo, assistita da Nicola Orsini, che, in soli quattro mesi, ha permesso anche a questo stabilimento produttivo di certificare la conformità dei propri sistemi di gestione agli standard ISO 9001, ISO 14001 e ISO 45001. Anche in questo caso gli audit sono stati superati con zero non conformità.

«È stato un percorso complesso e particolarmente sfidante – commenta Paolo Grimaldi, direttore generale delle BU nichelatura e anodizzazione del gruppo – per il quale il gruppo ha dato il proprio pieno supporto e che ci ha permesso di affiancare gli stabilimenti di Calcio e di Imola nel recupero o nella produzione ex novo della documentazione necessaria per gli audit e, quando necessario, nell’elaborazione delle procedure aziendali di cui occorre disporre. Proprio per i tempi stretti a disposizione, siamo molto orgogliosi dei risultati ottenuti e siamo certi che contribuiranno a consolidare il gruppo Argos ST come riferimento nell’ambito dei rivestimenti e trattamenti di superficie».

La sede Argos Lualma di Imola, come accennato, è specializzata nei trattamenti d’anodizzazione e anodizzazione colorata, processi elettrochimici non spontanei che determinano, sulla superficie dell’alluminio, uno strato protettivo utile a rinforzarne la resistenza alla corrosione. Il processo di ossidazione anodica, alla base dei trattamenti del gruppo, è utilizzato soprattutto per le applicazioni sui particolari meccanici installati sui macchinari e nei settori chimico, petrolifero, automobilistico e aeronautico, così come in tutti quei mercati che richiedono un’elevata resistenza alla corrosione e all’usura, ma allo stesso tempo una resa estetica di qualità.
Si tratta di comparti caratterizzati da una richiesta di intervento con tempistiche molto strette. Le tempistiche di processo e consegna incidono fortemente sulla scelta del fornitore e proprio per questo, per rispondere in modo efficiente al mercato, il gruppo Argos ST ha deliberato il rinnovo degli impianti della sede dell’azienda, così da ridurre i tempi di lavorazione e, di conseguenza, ottimizzare nel complesso la produzione.

«La nostra volontà – commenta Paolo Grimaldi, direttore generale della BU Nichelatura del gruppo e responsabile dello stabilimento Argos Lualma – è quella di essere presenti in modo uniforme e capillare sul territorio nazionale Abbiamo deciso, quindi, di investire nel rinnovo degli impianti, che non solo ci aiuta a ottimizzare la produzione, in termini quantitativi e temporali, e incrementare le commesse gestite, sia per numero sia per dimensione, ma ci consente anche di rispondere alla necessità del mercato di poter fare affidamento su fornitori operanti in prossimità».

Il percorso intrapreso da Argos Lualma vedrà lo stabilimento di Imola dotarsi di impianti di dimensioni maggiori e aggiornarsi con l’implementazione di tecnologie d’avanguardia: ciò consentirà non solo di massimizzare la produzione, ma anche di ampliare l’offerta produttiva dello stabilimento.

«Il rinnovo che abbiamo attuato non può, e non deve, dirsi concluso. La nostra volontà, infatti, è quella di mantenere costante questa tendenza e investire in nuove tecnologie, con l’obiettivo d’intercettare e soddisfare, sempre più, le esigenze del mercato, non solo da un punto di vista quantitativo, ma soprattutto qualitativo. Gli investimenti in innovazione – conclude Paolo Grimaldi – sono uno degli elementi necessari per assicurare il percorso di crescita di Argos Lualma».

Ti potrebbero interessare...

50 anni di attività per Sifap Tecnologia, impiantista leader tecnologico e di mercato dell’America Centrale

GFP rappresentanze e polveri BPC: un avvio positivo

Certificazione dei sistemi qualità e nuovi investimenti per le aziende del gruppo Argos ST

Un gruppo di specialisti delle tecnologie dei rivestimenti sottovuoto

Polveri di qualità BPC in Italia

Il gruppo P&P e Arzuffi si aggregano per rafforzare la loro presenza nel settore dei trattamenti superficiali PVD

Cromatica-Marcegaglia si presenta alle imprese e ai progettisti

Soluzioni software su misura per chi vernicia

Facci sapere cosa ne pensi...
0 0 voti
Quanto ti è piaciuto l'articolo?
Attiva le notifiche ai commenti
Invia una mail quando ci sono nuovi commenti

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti