Dato che le polveri sono molto performanti, già da molti anni si sta cercando di utilizzarle su materiali alternativi all’acciaio, alluminio e altre leghe, in particolare sui materiali termosensibili. È noto, infatti, che le tradizionali vernici in polvere polimerizzano a circa 180°C (fino a 200°C e oltre) e, quindi, il substrato deve resistere a queste temperature. La soluzione è Uralac® Powder Coating. Sin da metà degli anni 90 le polveri UV erano considerate il futuro del settore e nei primi anni 2000 si utilizzavano polveri a bassa temperatura (per superfici metalliche), con singola mano e cottura 10-20 min a 150-170°C in forni convenzionali. Nella prima metà degli anni 2000 ci fu un notevole miglioramento: formulazioni a bassa temperatura, ottimizzate per MDF (Medium Density Fiber) in 2 mani e passaggio in forno di polimerizzazione IR di 3-5 min a 150°C.

Tra il 2007 e il 2012 è stata sviluppata la tecnologia DSM Uralac® Ultra low bake in mano unica, con cottura per 3 min a 130°C ed è stata commercializzata nel 2013. Si tratta di un facile processo, possibile in mano unica su legno/MDF, che offre la possibilità di rivestire contemporaneamente tutte le facce del manufatto. Uralac® Ultra è già utilizzato da oltre 7 anni dai principali produttori di vernici in polvere per arredamento, dimostrando un affidabile processo di produzione e una riduzione dei costi industriali. È una tecnologia consolidata per MDF, legno e altri substrati termosensibili ed è disponibile per finiture testurizzate, lisce, trasparenti, primer a facile carteggiabilità per finitura a polvere o a liquido, con una buona resistenza all’esterno.

L’applicazione delle vernici in polvere con materie prime Uralac® Ultra ha dimostrato di essere più forte e più sicura negli arredamenti e nei materiali da costruzione, in quanto è resistente ai graffi, alle abrasioni, all’umidità, ha resistenza chimica, alle radiazioni UV e alle macchie, è sostenibile, atossica, durabile e offre libertà di progettazione.

Inaugurazione del laboratorio applicativo Kromavis

Un gruppo di 10 aziende superspecializzate nei trattamenti delle superfici

Impianti e macchine per l’industria siderurgica

Nuova organizzazione per Omeco

MaterialScan: aumentano i servizi di prove per il controllo qualità e di analisi dei difetti

Lo stabilimento AkzoNobel a Como aumenta la capacità produttiva

Cromatica Marcegaglia Steel contribuisce a valorizzare il cantiere del Duomo di Milano

50 anni di attività per Sifap Tecnologia, impiantista leader tecnologico e di mercato dell’America Centrale

0 0 voti
Quanto ti è piaciuto l'articolo?
Attiva le notifiche ai commenti
Invia una mail quando ci sono nuovi commenti

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti