I responsabili della spagnola Masking hanno visitato e proposto all’italiana Airmation ECP di sviluppare un sistema di sverniciatura di profilati d’alluminio con difetti di verniciatura, per il loro recupero, senza l’uso di prodotti chimici. Masking, supportata da due applicatori di rivestimenti in polvere termoindurenti, termoplastici e antiaderenti (PTFE) – Mestres Pintura Industrial e Fisa Recubrimientos – ritiene che la soluzione del problema della sverniciatura di profilati d’alluminio verniciati in maniera difettosa, prescindendo dall’uso di prodotti chimici di sverniciatura, potrebbe costituire un’importante nicchia di mercato a livello internazionale.

Il gruppo di lavoro prevede dunque la realizzazione di una serie di prove di sverniciatura con i sistemi Ultraclean di Airmation ECP, che usano esclusivamente piccole quantità d’acqua di rete a ultra-alta pressione (UHP), nel laboratorio dell’azienda di Cavenago Brianza (Monza e Brianza, Italia).

La particolare tecnologia delle teste rotanti di sverniciatura prodotte dall’azienda, che utilizzano micro ugelli di precisione (FinJets) con angoli d’attacco specificamente progettati (e provati sul campo) appare promettente per l’ottenimento del risultato, secondo le aziende coinvolte. Nel dettaglio, i FineJets hanno orifizi molto piccoli (a partire da 0,08 mm), utilizzano pochi litri di acqua/h a velocità supersoniche: a 2300 bar la velocità dell’acqua è pari a 2,5 volte quella del suono. Sono collocati su teste rotanti che differiscono per diametro d’impronta (e numero di jet), secondo inclinazioni specifiche per ogni jet e rotazioni su orbite differenti, come prima accennato.

Nel caso di riscontri positivi, Airmation ECP procederà allo studio di un sistema automatico di sverniciatura a trafila, con recupero a circuito chiuso dell’acqua dopo filtrazione di separazione delle vernici staccate dal supporto. Il sistema di sverniciatura Ultraclean si caratterizza per riportare a nudo le superfici dei pezzi esattamente come prima dell’applicazione del ciclo di pretrattamento e verniciatura, senza sottoporle a stress chimico o termico. I profilati così sverniciati potrebbero dunque essere immediatamente rinviati alla linea di verniciatura, non trascinando alcun residuo chimico e di vernice.

Ti potrebbero interessare...

Una posizione di rispetto internazionale nel campo della tecnologie ambientali. I 40 anni di Airprotech

La verniciatura industriale e l’economia circolare

Rivestimenti in polvere con certificazione internazionale di sostenibilità e carbonio Plus per l’uso di materie prime a base bio

Rivestimenti a base biologica

ESG: approfondimenti (III)

Donne dei trattamenti di superficie

Le vernici all’acqua sono il futuro

I 10 principi della sostenibilità per le vernici del futuro

Facci sapere cosa ne pensi...
0 0 voti
Quanto ti è piaciuto l'articolo?
Attiva le notifiche ai commenti
Invia una mail quando ci sono nuovi commenti

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti