David Pellicer, Adapta Color

Adapta Color, fedele all’impegno di fornire informazioni ambientali adeguate sui propri prodotti, dichiarato nella propria politica di gestione e con una strategia chiara e trasparente per mostrare il profilo ambientale delle proprie attività, ha sviluppato una EPD [acronimo inglese per “dichiarazione ambientale di prodotto”, ndr] in relazione alla propria linea di prodotti super durevoli Adapta Vivendi SDS.
Le dichiarazioni ambientali di prodotto sono informazioni trasparenti sulle prestazioni ambientali del prodotto in base alla sua valutazione del ciclo di vita (LCA). Sono verificate da terzi, indipendenti dall’azienda (in questo caso, da Aenor, ente di certificazione le cui attività, in Italia, sono riconosciute da Accredia, l’ente italiano di accreditamento). Le informazioni sono strutturate in diverse categorie di impatto (riscaldamento globale, riduzione dello strato di ozono, acidificazione, e così via) insieme ad altre informazioni aggiuntive, come le emissioni prodotte, i rifiuti generati, e altro.

La dichiarazione ambientale di prodotto consente di confrontare le informazioni ambientali tra diversi prodotti (o servizi) che svolgono la stessa funzione.
Nel nostro caso, Aenor ha certificato la conformità della nostra dichiarazione ambientale di prodotto secondo la norma ISO 14025, seguendo le regole di categoria di prodotto (PCR) CPC 3511-Pitture e vernici e prodotti affini, sviluppate dal sistema internazionale EPD® e (UNE-) EN 15804:2012 + A2:2020-Sostenibilità nelle costruzioni-Dichiarazioni ambientali di prodotto-Regole di base della categoria di prodotto per i prodotti da costruzione.

È molto importante, quando si confrontano le EPD di prodotti simili, verificare la PCR di riferimento seguita. Le PCR definiscono le regole in base alle quali devono essere condotti gli studi LCA e le informazioni da riportare nella EPD, che consentono di conoscere i parametri di lavoro seguiti per ottenere i diversi indicatori.
L’impronta di carbonio, di grande attualità come indicatore del contributo al cambiamento climatico, è uno degli indicatori ottenuti nello sviluppo della EPD e misura la quantità di gas serra associati a quel prodotto o attività.
In realtà, l’impronta di carbonio è una versione semplificata di una valutazione del ciclo di vita, LCA, in cui si considera solo una categoria di impatto ambientale, quella del riscaldamento globale.

La collezione Adapta Vivendi SDS è stata anche testata secondo lo standard ISO 16000-9:2006 per la determinazione dell’emissione di composti organici volatili da prodotti per l’edilizia e l’arredamento. Alla luce dei risultati, l’azienda ha ottenuto la distinzione A+ (emissioni molto basse) per gli scenari pareti, soffitti, finestre e porte.

Ti potrebbero interessare...

Sotto esame il biossido di titanio che arriva dalla Cina: quale l’impatto sul mercato europeo

La sostenibilità come vantaggio competitivo attraverso l’economia circolare

ESG: approfondimenti (IV)

Dichiarazione ambientale di prodotto 2024-2029 per la collezione Adapta Vivendi SDS (Super Durable System)

Una posizione di rispetto internazionale nel campo della tecnologie ambientali. I 40 anni di Airprotech

La verniciatura industriale e l’economia circolare

Rivestimenti in polvere con certificazione internazionale di sostenibilità e carbonio Plus per l’uso di materie prime a base bio

Rivestimenti a base biologica

Facci sapere cosa ne pensi...
0 0 voti
Quanto ti è piaciuto l'articolo?
Attiva le notifiche ai commenti
Invia una mail quando ci sono nuovi commenti

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti