DALLA CRISI IDRICA UN NUOVO COMPORTAMENTO NEL PRETRATTAMENTO ALLA VERNICIATURA

Chi vernicia industrialmente, di fronte agli effetti dei cambiamenti climatici, oltre a fare la propria parte nelle operazioni di pretrattamento – sgrassaggio, risciacquo, conversione, risciacquo – deve valutare ogni possibile innovazione tecnologica per ridurre al minimo il consumo di acqua. Nella fase di pretrattamento dei metalli alla verniciatura, l’acqua è attualmente la componente fondamentale dove viene miscelato il prodotto di conversione e, per essere utilizzata senza problemi, deve soddisfare alcuni requisiti:

  • Deve essere depurata dalla presenza di carbonati di calcio e magnesio
  • Deve avere una conducibilità elevata, che dipende dal suo contenuto salino
  • Deve avere pH acido
  • Assenza di cloruri e solfati.

In altre parole bisogna demineralizzarla, per averla adatta allo scopo, e al termine del processo, in ogni caso, viene smaltita nelle acque reflue.

L’attuale crisi idrica è un campanello d’allarme per il futuro (molto prossimo) che incentiva a prendere in considerazione l’utilizzo di tecnologie che non necessitino obbligatoriamente di acque demi.

TECNOLOGIE

Sono commerciabili due tecnologie nel settore del trattamento chimico di conversione metallica, che eliminano del tutto o fanno poco uso della fase di risciacquo:

  • la sostituzione della fosfatazione e del trattamento nanotecnologico con una tecnologia monostadio che, in una sola operazione di spruzzatura nel tunnel della durata di 3 minuti, sgrassa, converte e passiva la superficie metallica, assorbendo inoltre, come plastificante del polimero presente in soluzione, l’olio minerale rimosso, non creando così alcun rifiuto da smaltire
  • l’utilizzo di tecnologie applicative di nebulizzazione della soluzione di pretrattamento nanotecnologico dopo sgrassaggio anch’esso di natura nanotecnologica (il cui risciacquo è continuamente demineralizzato per consentire il riciclo in continuo, senza smaltimenti).

L’applicazione tramite nebulizzazione permette la filmazione precisa e continua senza più necessità di risciacquare il film formato.

La crisi idrica ci ricorda ancora una volta che “sorella acqua” deve essere “difesa” e risparmiata il più possibile in ogni processo e, nei processi di pretrattamento – e di applicazione di vernici nelle cabine a velo d’acqua – in particolare. É in questo contesto che chi vernicia deve trovare un senso profondo di attenzione all’ambiente – ma anche al portafoglio – per procedere con tutti gli sforzi verso nuovi investimenti in innovazione tecnologica e digitalizzazione, per rendere questa fase lavorativa sempre migliore.

La sostenibilità come vantaggio competitivo attraverso l’economia circolare

ESG: approfondimenti (IV)

Dichiarazione ambientale di prodotto 2024-2029 per la collezione Adapta Vivendi SDS (Super Durable System)

Una posizione di rispetto internazionale nel campo della tecnologie ambientali. I 40 anni di Airprotech

La verniciatura industriale e l’economia circolare

Rivestimenti in polvere con certificazione internazionale di sostenibilità e carbonio Plus per l’uso di materie prime a base bio

Rivestimenti a base biologica

ESG: approfondimenti (III)

0 0 voti
Quanto ti è piaciuto l'articolo?
Attiva le notifiche ai commenti
Invia una mail quando ci sono nuovi commenti

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti