Autore: Rebecca D’Esposito
Kolzer

I processi di stampa 3D (SLA, SLS, MJP, CJP e DMP) stanno rivoluzionando il modo di progettare, produrre e utilizzare molti componenti, sia in polimero che in metallo, per applicazioni nell’industria e nella vita quotidiana.

Con questa tecnologia è possibile stampare rapidamente parti 3D (basate su progetti personalizzati) di materie plastiche (poliammidi, compositi, altri polimeri ed elastomeri) e metalli (titanio, acciaio inox, leghe d’alluminio, superleghe di nichel, kovar, e molte altre).

Le macchine per il rivestimento con metalli PVD Kolzer risolvono i problemi comuni degli stampi e/o dei pezzi ottenuti con sistemi 3D: il giusto rivestimento PVD su uno stampo ottenuto con le tecnologie 3D permettono la riduzione dell’usura per attrito, del contatto con sostanze chimiche, dei materiali duri e del calore, aumentando la durata e le prestazioni dello stampo, tenuto conto che il processo PVD deposita nanostrati metallici, che quindi non comportano modifiche apprezzabili alle tolleranze di progetto).

La preparazione, la pulizia e la manipolazione delle superfici sono fattori fondamentali per ottenere superfici rivestite di alta qualità. I processi PVD Kolzer pretrattano le superfici nello stesso processo di deposizione. Mentre per le superfici metalliche la loro pulizia non presenta particolari complicazioni – non assorbono gli oli e non sono porosi come i non metalli (non intrappolano aria, per esempio), per i componenti in plastica le superfici ottenute con le tecnologie di produzione additiva risultano spesso più porose e richiedono tempi leggermente più lunghi per la loro pulizia e preparazione all’interno della camera di processo, ma si ha la garanzia di ottenere superfici degli stampi (o dei pezzi) perfettamente pronte per le successive operazioni di deposito fisico dello strato metallico. Dunque, l’unione tra le prestazioni delle macchine per il rivestimento dei metalli via PVD della Kolzer e i tutti i sistemi di stampa 3D messi a disposizione dall’evoluzione tecnologica garantisce un futuro migliore per tutti.

KOLZER È ORGOGLIOSA DI ANNUNCIARE LA CERTIFICAZIONE ISO

9001 Kolzer, nell’ottica di una sempre maggiore attenzione al cliente, è lieta di comunicare di aver ottenuto la certificazione ISO 9001, uno standard riconosciuto a livello internazionale che assicura che i suoi prodotti e servizi soddisfino le esigenze dei clienti attraverso un efficace sistema di gestione della qualità.

La decisione di Kolzer di lavorare per ottenere la certificazione ISO 9001 dimostra l’impegno dell’azienda a migliorare continuamente i prodotti e servizi.

L’amministratore delegato di Kolzer, Davide D’Esposito afferma che «ottenere la certificazione ISO 9001 del nostro sistema qualità è un’eccellente notizia: i nostri clienti hanno la completa garanzia che il nostro sistema di produzione opera secondo i più alti standard di qualità.

Sono orgoglioso di tutta la mia squadra per il risultato ottenuto, che riconosce il suo impegno e quello di tutta l’azienda nel garantire la qualità e nel fornire il miglior servizio possibile ai clienti. Ci dedichiamo al miglioramento e allo sviluppo costante delle nostre macchine, e il raggiungimento e il mantenimento di un accreditamento ISO 9001 ci assicura di avere i processi e i sistemi sempre attivi per questi obiettivi».

ULTIMI ARTICOLI


I 25 anni di durabilità anticorrosiva di una vernice termoplastica applicata a fiamma su supporti metallici, controllata con il metodo Acet (ISO 17.463)

I 25 anni di durabilità anticorrosiva di una vernice termoplastica applicata a fiamma su supporti metallici, controllata con il metodo Acet (ISO 17.463)

Ci sono le fiere tradizionali…e poi c’è P&E MILANO COATING DAYS

Ci sono le fiere tradizionali…e poi c’è P&E MILANO COATING DAYS

Un alleato intelligente per l’ottimizzazione dei processi di verniciatura con azoto in sostituzione di aria compressa

Un alleato intelligente per l’ottimizzazione dei processi di verniciatura con azoto in sostituzione di aria compressa

Verniciatura Industriale 651-652

Verniciatura Industriale 651-652