intervista: Andrea Frighetto, R&D Manager Bottosso&Frighetto

Su cosa si sta focalizzando il vostro laboratorio di ricerca negli ultimi mesi? State utilizzando materie prime alternative per le vostre formulazioni?

AF – Attualmente la nostra ricerca è focalizzata su due tipologie di prodotti: la prima riguarda le tecnologie all’acqua per utilizzo in esterno, dove vi è sempre una maggiore richiesta di resistenze meccaniche ma anche chimiche.
Da anni infatti, la nostra azienda produce una linea di prodotti che con il tempo è stata perfezionata per garantire ottime prestazioni: Idropac 979. Si tratta di una finitura bicomponente all’acqua che affianca la già esistente serie monocomponente Idropac 975, certificata già da un decennio con il Catas Quality Award Plus. Questa nuova soluzione unisce le caratteristiche di resistenza all’esterno della serie monocomponente a una migliore resistenza chimica del serramento trattato.

L’altra tipologia di prodotti su cui il nostro laboratorio sta concentrando la ricerca riguarda una serie di finiture ad alta resistenza sia meccanica che chimica ultra-opaca.
Da un po’ di tempo infatti, il mercato richiede delle soluzioni che, a parità di prestazioni, fanno concorrenza, se non addirittura sostituiscono finiture per arredamento che utilizzano materiali solitamente molto costosi in virtù proprio delle loro caratteristiche in grado di unire resistenza chimica e meccanica a un buon livello di piacevolezza al tatto. Oggi sono diverse le aziende del settore che stanno focalizzando la loro ricerca su questa famiglia di prodotti e alcune di loro hanno già lanciato tecnologie che, almeno sulla carta, sembrano poter garantire buone prestazioni. Anche la nostra azienda, in tal senso, è a buon punto.

Ad oggi, in base alle tendenze attuali, ci sono prodotti che i clienti richiedono più di altri?

AF – Sicuramente le due gamme appena citate, ma anche i prodotti acrilici che tuttavia, attualmente, restano penalizzati dalle gravi carenze sul mercato delle resine alifatiche, soprattutto per quanto riguarda i catalizzatori.

Quali sono le vostre previsioni future riguardo il mercato del legno e quali i vostri obiettivi a breve e lungo termine?

AF – È particolarmente difficile potersi sbilanciare in questo senso, azzardando delle previsioni che poi vengono inficiate o sovvertite da eventi non prevedibili come quelli che si stanno sviluppando nell’Europa dell’est. Certamente le prospettive non sono particolarmente confortanti perché, se a una prima ondata di tensione sui mercati provocata dalla pandemia è seguito un clima di ripresa dei mercati “a singhiozzo”, con le filiere che ripartivano con evidenti colli di bottiglia o che poi rallentavano, oggi la situazione che sembrava avviarsi sulla strada di una certa normalità è stata sconquassata dall’inizio del conflitto tra Russia e Ucraina.

Fatto che ha creato problematiche non tanto dal punto di vista delle vendite, quanto del fattore energetico che, proprio in quanto tale, ha impatto su tutti i settori (non meno ovviamente sul già complesso mercato delle commodities) causando un’inflazione che rischia di rallentare tanto il mercato estero quanto quello domestico. Ad oggi è questo il fattore più preoccupante, considerando anche la speculazione che influenza i mercati e non contribuisce a rasserenarli. Il tutto si traduce in un settore sempre più soggetto a una forte componente comunicativa ed emotiva e non regolato, come dovrebbe essere, dai fondamentali del mercato-azienda.

Essere un’azienda complementare ai big player del settore e offrire agli utilizzatori dei valori aggiunti in termini di personalizzazione del prodotto o del servizio: sono questi gli obiettivi principali che stiamo perseguendo con grande consenso da parte della clientela, anche in virtù della nostra esperienza di oltre cinquant’anni nella formulazione di linee complete di prodotti, sia all’acqua che tradizionali, in grado di garantire dei vantaggi competitivi. In particolar modo, teniamo viva la nostra riconosciuta capacità di ascoltare le esigenze del cliente per trovare la soluzione più adeguata.

Secondo la vostra esperienza, esistono elementi scientifici tali per cui si possa vincere la resistenza nell’utilizzo dei prodotti all’acqua?

AF – Sicuramente un fattore che può aiutare a diffondere più capillarmente la cultura dell’utilizzo delle vernici all’acqua è la sostenibilità. Proprio gli eventi recenti (cambiamenti climatici, siccità e altro) ci stanno insegnando che occorre agire per modificare il nostro stile di vita rendendolo più compatibile con le esigenze dell’ambiante. Va detto che queste intenzioni non devono tramutarsi in atti o normative che creino troppe difficoltà o cambiamenti drastici negli usi e costumi delle persone e dei mercati.

Indubbiamente questa considerazione si basa sul fatto che alcune economie stanno fortemente lavorando a livello culturale per far capire l’importanza del cambiamento, mentre altre importanti, che spesso oltretutto sono quelle maggiormente responsabili dell’inquinamento, si stanno invece muovendo con lentezza, per usare un eufemismo, o stanno addirittura arretrando, complice anche la crisi energetica degli ultimi mesi. È questa a nostro parere la sfida più importante: l’Europa contribuisce con “solo” il 10% o poco più dell’inquinamento globale e per quanto si sforzi, il miglioramento che può derivarne avrà un impatto assai ridotto rispetto ai colossi dell’inquinamento.

Nel settore delle vernici per legno, la penalizzazione che subiscono i prodotti all’acqua è sostanzialmente legata, oltre che (in qualche caso) a un pregiudizio dell’utilizzatore, che paradossalmente sarebbe il maggior beneficiario del cambiamento (meno inalazioni in fase di applicazione e altro), al fatto che in alcuni casi le prestazioni dei prodotti all’acqua non sono ancora al pari di quelle dei prodotti al solvente. Il tutto inteso in senso globale: non solo a prodotto applicato, che anzi in alcuni casi (vedasi prodotti per esterno) può già dare prestazioni valide, ma proprio anche in fase di essicazione o stoccaggio, soprattutto nei periodi freddi, costringendo eventualmente il verniciatore a dotarsi di impianti di appassimento o riscaldamento, penalizzati in questi mesi dai costi dell’energia. Il miglioramento delle prestazioni dei prodotti all’acqua (che comunque c’è ed è costante), unitamente al calo dei loro costi, potrebbe certamente aiutare le aziende a incentivare i clienti all’acquisto. Una seconda opzione difficilmente percorribile nella fase contingente che stanno attraversando i mercati internazionali.

Chemtec propone una serie di azioni per ridurre il consumo d’acqua e la dipendenza dai combustibili fossili

Crescita a doppia cifra per METALCOAT, ALUSTEEL E ALEU

Alluminio verniciato per le capsule del caffè

Brevetti e invenzioni

La crisi energetica spinge l’idrogeno

Nuove finiture a polveri termoplastiche per calcestruzzo e cemento armato di opere civili

Modelli circolari nella verniciatura a polveri

Soluzioni per rivestimento in polvere di supporti termosensibili

Una nuova identità per un’azienda innovativa

Trattamento acque industriali: vantaggi e benefici della tecnologia Chemtec

Adapta riduce le proprie emissioni di CO2 del 6,2%

Puntare sulla ricerca con consapevolezza: alcune considerazioni da parte di un produttore di vernici

Soluzione completa intelligente E-LINE: il giusto centro di verniciatura a polveri per ogni esigenza

Obiettivo riciclo! Una nuova vernice riciclata per le lavagne magnetiche Kalamitica

Un’altra azienda nel settore del trattamento dei metalli

I filtri della Fileco sono stati brevettati

Rostirolla sviluppa il sistema di incastro GNW

Feltani Reti cresce… di 500 m2

Una realtà nello scenario dei prodotti vernicianti anticorrosivi: tra innovazione e tradizione

Mirodur, un’azienda con al centro il servizio tecnico

Ciclo eterogeneo epossidico all’acqua per cicli di verniciatura in ambienti aggressivi

Il report annuale di PPG evidenzia come le finiture bicolore e personalizzate stiano conquistando il mercato dell’auto

I processi Chemtec quali risposte alla crisi energetica

Filbox, innovativi filtri a “telaio” prendono ispirazione dalle cialde del caffè

Lignovit Terra: Un prodotto veramente “pulito”

IEC+ entra in IM Group

Nuova vita alle superfici con il sistema di lucidatura BigFoot di Rupes

Impianti di trattamento delle acque di processo e di cabina

Pretrattamento metallico “circolare e sostenibile” e futuro sempre più green nella verniciatura industriale

Una rivoluzione applicativa di Wagner

Samoline colora il GP Octo di San Marino e della Riviera di Rimini

Il gruppo Sirca con il marchio Polistuc Metal si presenta al mercato dell’anticorrosione

ISOFAN FOLLOW THE EVOLUTION!

Impianti di trattamento delle acque di processo e di cabina

Colsam è partner di Vietato l’Ingresso. I luoghi Segreti dove nasce la Magia

Coordinamento, ricerca e sviluppo

Le idee dei dipendenti fanno crescere l’azienda?

Riscaldare, asciugare, reticolare materiali e rivestimenti mediante sistemi elettrici

Feltani Reti: negli ultimi anni la produzione di ganci standard e su misura ha preso “un’ottima piega”

Impianti di verniciatura industriale Cosmo

Ambiente, Sociale e Governance – La rotta del nuovo Consiglio di Amministrazione di Kansai Helios Group

BM colora: un’azienda in crescita costante

Nuovo impianto di sabbiatura alla Savim di Puglianello

Gruppo Boero & CIN Portoghese insieme nel settore delle pitture e vernici

Cigni neri e notti stanche tra empatie, reattanze e distopie

Vernici in polvere siliconabili serie SK

PPG presenta il nuovo progetto cromatico con Extra-Ordinary e propone i prossimi trend del colore nel mondo dell’automotive

Cabine italiane di verniciatura a polveri nel Centro e Sud America

ALIT Technologies e SAT firmano un accordo di collaborazione per la vendita di Fastrip ISP sulle linee verticali per la verniciatura di estrusi d’alluminio

Piccole aziende crescono

Workers in Love

Il nuovo filtro Fileco: l’uovo di colombo!

Colsam investe sulle vernici all’acqua con il progetto PurTech

Due siti produttivi, due laboratori dedicati: Vernici Caldart

Fastrip T5: la soluzione versatile e robusta per la sverniciatura chimica ad immersione

Diversificazione, sinergie costruttive, know-how condiviso: la firma di Vernici Caldart

I robot Epistolio e il loro costante sviluppo

App di servizio Wagner: servizio digitale su richiesta

Adapta HCR, la protezione invisibile: la migliore vernice in polvere antigraffiti disponibile sul mercato

Jotun e MPR insieme con Penguard HSP ZP

Nuove sfide per Kolzer grazie alla competenza sui cicli di verniciatura

Due anime per un’azienda in evoluzione

PPG continua a rendere più belle e colorate le sue comunità

Conveyors supporta a partire dal sistema di trasporto pezzi alla verniciatura le aziende nella migrazione a sistemi industria 4.0

La Motivazione

Walterscheid Powertrain Group sceglie Tecnofirma per la realizzazione di un nuovo impianto per la verniciatura di giunti cardanici e alberi di trasmissione

Il nuovo stabilimento della Ravarini Castoldi: un successo dovuto alla elettrostatica italiana nel mondo

Vasche Fastrip T5, l’innovazione produttiva di Alit Technologies

Scambiatori di calori per processi termici industriali

Standard e sistemi vernicianti

Il marchio britannico Lotus investe nella modernizzazione del suo impianto di verniciatura

Vernici intelligenti e funzionali: le superfici possono aiutare anche dal punto di vista sanitario?

Dalla culla alla culla – from cradle to cradle (C2C): il passaggio dalla vendita di prodotti alla vendita di servizi

Un laboratorio per la verifica dei materiali in ingresso e in uscita nelle produzioni industriali

Che mondo sarebbe senza colori?

Adapta lancia Façade CR-0000 per ringiovanire le facciate e i serramenti d’alluminio

Bottosso e Frighetto: da più di 50 anni il partner ideale per il rivestimento del legno

Dall’analisi dello spruzzo è possibile valutare una serie di parametri di verniciatura

Il laboratorio prove Wagner: un vero “problem solving center”

Dino Cancellier: 40 anni di attività di successo nella verniciatura

EUROMASK

Sistemi professionali di mascheratura

AEROFILTRI s.r.l.

Strumenti per processi di verniciatura di alta qualità