Novaresine da anni lavora per inserirsi come attore protagonista nella grande rivoluzione che ha come cardine la sostenibilità, avanzando nello sviluppo di resine a base di monomeri che si svincolano dall’origine fossile. In quest’ottica trova il suo spazio la linea NATURES, che rappresenta per l’azienda il connubio perfetto tra prestazioni e la Res Naturae, ovvero, dal latino, la sostanza della natura. Anche un mondo tradizionalista come il coil sta reagendo ai mutamenti e alle spinte del mercato che vuole un prodotto sempre più “green”, bio-based o recycled-base, che limiti l’impronta di carbonio e che imiti le prestazioni del prodotto tradizionale.

Di fatto, il coating, l’industria del rivestimento, ha in sé stessa un concetto di sostenibilità: rivestire proteggendo dall’usura meccanica, chimica, e dall’azione degli agenti atmosferici i materiali che compongono strutture, manufatti, edifici, utensili in maniera tale da aumentarne la vita utile limitando quindi l’utilizzo delle risorse ambientali. L’industria dei rivestimenti ha quindi la grande responsabilità di proteggere l’inestimabile patrimonio di infrastrutture, manufatti industriali, case, scuole, aerei, automobili, impianti, e molto altro, che definiscono la nostra cultura e il nostro benessere come società, dalla corrosione.

La corrosione è il principale nemico dei materiali metallici, e nel coil l’attore silenzioso ma di importanza strategica è il primer. La resina per primer Natures si inserisce nella renewable innovation di Novaresine, ed è stato testato a confronto con un prodotto primer standard di mercato, e con la resina standard Novasynt. Il contenuto di materie prime bio-based per il prodotto Natures è del 50% sul residuo solido del prodotto.

È stato effettuato il test di nebbia salina per un totale di 500 ore in accordo alla normativa UNI9227-ASTM B117 in collaborazione con l’Università degli studi di Trento. I substrati testati sono lamierini di acciaio zincato verniciati con il primer formulato con le tre resine, Novasynt, Natures e Market standard, applicati con spessori di circa 15 micrometri con un top standard.

Nelle immagini sono riportati i lamierini dopo 500 h di esposizione in nebbia salina. Le immagini in alto rappresentano i campioni subito dopo fine esecuzione del test ed evidenziano il fenomeno del blistering, nelle foto in basso i campioni sono sottoposti a rimozione tramite cutter della vernice dalla zona di intaglio.

Il primer Novasynt risulta essere il migliore: blistering limitato sull’intaglio verticale, blistering limitato nella zona centrale, zona di asportazione dall’intaglio praticamente assente nell’intaglio verticale. In tutti i casi comunque va evidenziato che non si osserva delaminazione del rivestimento. Il prodotto Natures, risulta in linea con il prodotto standard da mercato sia come blistering che distanza di asportazione dall’intaglio. Nella seguente tabella è riportata la distanza di asportazione dall’intaglio, calcolati come mezza distanza dai punti di asportazione più lontani dall’intaglio, decurtata di 1 mm (spessore intaglio)

Novasynt Orizzontale = 1.0 mm | Verticale = 0 mm

Natures Orizzontale = 2.5 mm | Verticale = 1.5 mm

Market standard Orizzontale = 2.25 mm | Verticale = 2.5 mm

Come si può notare dai dati, in funzione dell’intaglio a T (verticale o orizzontale) oppure nell’intaglio a croce, ci sono delle differenze di comportamento, questo è spiegabile per via del fatto che i campioni innanzitutto sono posizionati su racket con inclinazione di 30° dalla verticale e la parte bassa riceve anche le colature della soluzione salina della parte alta del campione rendendo di conseguenza più facile la formazione di blister e delaminazione. Si possono notare delle differenze anche quando gli intagli sono paralleli o perpendicolari alla laminazione del materiale e/o dal verso di applicazione della verniciatura. Il prodotto Natures si colloca a metà tra il miglior prodotto Novaresine in termini prestazionali e il prodotto standard di mercato.

La linea Natures rappresenta l’inizio di un percorso intrapreso nella direzione della sostenibilità, derivante da un impegno aziendale costante nei confronti dell’ambiente e della comunità.

Bilancio di sostenibilità

Prosegue la ricerca di materie prime alternative: “innovare in Novaresine”

La verniciatura può diventare un’operazione industriale di vera economia circolare: vantaggi economici e ambientali

L’utilizzo dei pellet come fonte energetica tutela l’ambiente

Dopo quello delle materie prime, il tema attuale sono gli aumenti esagerati dei costi dell’energia

Sosteniamo la sostenibilità

Controlli per la valutazione qualitativa di una superficie verniciata

Allo sviluppo del mercato industriale risponde quello della verniciatura e quindi quello dell’abbattimento solventi

Leave a Reply