Filbox, creato da Mario e Davide Rosolen di Fileco incorpora alla verniciatura un concetto che viene da un settore totalmente differente, quello del bar.
Filbox ricorda infatti i filtri per il caffè, che contengono una parte a telaio necessaria per filtrare le impurità e ottenere così un ottimo caffè.
Nel nostro caso il telaio è in carta e contenuto all’interno di un “box” che funge da filtro per le cabine di verniciatura.

Disponibili in 8 combinazioni diverse (persino personalizzabili su richiesta) e posizionabili sia in verticale che orizzontale, i filtri Filbox utilizzano solo materiali (carta/cartone) da riciclo e sono quindi conformi ai criteri di economia circolare.

Inoltre il sistema creato da Rosolen è estremamente efficiente, recuperando fino al 95% dell’overspray.

Obiettivo riciclo! Una nuova vernice riciclata per le lavagne magnetiche Kalamitica

Un’altra azienda nel settore del trattamento dei metalli

I filtri della Fileco sono stati brevettati

Rostirolla sviluppa il sistema di incastro GNW

Feltani Reti cresce… di 500 m2

Una realtà nello scenario dei prodotti vernicianti anticorrosivi: tra innovazione e tradizione

Mirodur, un’azienda con al centro il servizio tecnico

Ciclo eterogeneo epossidico all’acqua per cicli di verniciatura in ambienti aggressivi

Il report annuale di PPG evidenzia come le finiture bicolore e personalizzate stiano conquistando il mercato dell’auto

I processi Chemtec quali risposte alla crisi energetica

Filbox, innovativi filtri a “telaio” prendono ispirazione dalle cialde del caffè

Lignovit Terra: Un prodotto veramente “pulito”