Come tutti sanno, la verniciatura industriale è un processo composto da quattro operazioni diverse ma interconnesse tra loro – pretrattamento alla verniciatura (tunnel); applicazione vernici liquide o in polvere (cabina o, eventualmente, immersione in vasca di cataforesi e altro); polimerizzazione delle vernici (forno); logistica (trasportatore aereo o al suolo) – che portano a dare una finitura estetica (aspetto visivo) e una protezione anticorrosiva per i manufatti metallici, chimico-fisiche per i manufatti plastici, importanti per la vendita dei manufatti prodotti industrialmente. Di queste 4 operazioni, due di esse determinano ancora rifiuti chimici, che devono essere smaltiti a costi sia economici che ambientali notevoli, perché considerati pericolosi.

Gli altri due determinano invece soprattutto rifiuti ambientali, le emissioni gassose. Per riassumere, di seguito gli scarti delle operazioni:

  • fanghi di fosfatazione e di altro tipo
  • sgrassanti saturi di oli rimossi
  • acque reflue di sgrassaggio e risciacquo
  • polveri “fini” non più applicabili elettrostaticamente (vernici in polvere)
  • morchie create dalla spruzzatura di vernici al solvente e all’acqua (40-50% di overspray, raccolto dal velo d’acqua di cabina e precipitato con idonei prodotti chimici oppure,
  • filtri saturi dell’overspray assorbito nelle cabine a secco

Attualmente gli scarti del tunnel di pretrattamento e della cabina di applicazione possono essere recuperati economicamente in due modi differenti, entrambi virtuosi:

  • risparmiando economicamente in fase operativa, da una parte
  • attraverso sistemi di economia circolare dall’altra.
NEL PRETRATTAMENTO

Nel caso della fase di pretrattamento si possono già prevedere risparmi economici interessanti, in quanto la moderna tecnologia permette di procedere a eccellenti operazioni senza creare sgrassanti saturi di oli rimossi, acque reflue da risciacqui e fanghi di risulta, cioè senza produrre rifiuti da smaltire con spese non indifferenti.

NELLA CABINA DI APPLICAZIONE VERNICI

Nel caso della verniciatura a polveri il problema dei “fini”, polveri non più utilizzabili con l’applicazione elettrostatica, da smaltire come rifiuti pericolosi, che incidono per circa il 10% del totale utilizzato, deve essere affrontato decisamente, perché può essere perfettamente risolto con il completo riutilizzo come “materia prima secondaria” per produrre “nuove” vernici in polvere, aventi le stesse caratteristiche fisiche e chimiche della polvere da cui derivano e con caratteristiche paragonabile a quelle prodotte con materie prime “vergini”.

Da tempo la SBS Steel Belt Systems di Venegono Inferiore (VA) recupera perfettamente le polveri fuori specifica scartate – perché appunto granulometricamente non più utilizzabili oppure scadute – dalle aziende che, in questo modo, risparmiano nei costi di smaltimento; attualmente anche la Bullcrem Lack di Riese Pio X (VI), ha cominciato il recupero e il riciclo dei “fini” per offrire alle aziende che verniciano a polveri una collaborazione in ottica di “economia circolare”: molto utile anche per le aziende che si stanno “costruendo” un’etica di sostenibilità.

Nel settore della verniciatura con prodotti liquidi, le operazioni di “economia circolare” sono indirizzate verso le aziende che utilizzano fondi e smalti all’acqua, spruzzati in cabine a velo d’acqua, perché in quelle con filtri a secco l’overspray assorbito (50% dello spruzzato) non può che essere smaltito insieme ai filtri saturi, anche se esiste qualche azienda che li recupera e li riutilizza, ma la polvere separata e caduta dagli stessi, non può che essere ancora smaltita.

L’overspray dell’applicazione di fondi e smalti all’acqua viene diluito dall’acqua del velo e filtrato in un’apparecchiatura di ultrafiltrazione – come succede da anni nelle vasche di cataforesi, in particolare nell’industria dell’auto, in cui il fondo non depositato elettricamente viene risciacquato dal manufatto, ultrafiltrato e restituito direttamente alla vasca di cataforesi – come recupero circolare.

CONCLUSIONE

La verniciatura industriale attualmente permette operazioni di economia circolare, recuperando e riciclando scarti – che così sono sottoprodotti – che attualmente devono essere smaltiti come rifiuti con costi non indifferenti.

Come si deduce da quanto sopra riportato, ancora una volta ci sono le premesse perché le vernici al solvente debbano essere abbandonate: anche un sollievo per i problemi ambientali.

La filiera sostenibile

Aumenta la domanda di materie prime di origine rinnovabile nel settore delle vernici per il legno-arredo

Fantoni al Salone del Mobile di Milano 2022 nel segno dell’impegno per la sostenibilità

Bilancio di sostenibilità

Prosegue la ricerca di materie prime alternative: “innovare in Novaresine”

La verniciatura può diventare un’operazione industriale di vera economia circolare: vantaggi economici e ambientali

L’utilizzo dei pellet come fonte energetica tutela l’ambiente

Dopo quello delle materie prime, il tema attuale sono gli aumenti esagerati dei costi dell’energia

Sosteniamo la sostenibilità

Controlli per la valutazione qualitativa di una superficie verniciata

Allo sviluppo del mercato industriale risponde quello della verniciatura e quindi quello dell’abbattimento solventi

Recupero di polveri “fini” non più utilizzabili sull’impianto: da economia lineare a economia circolare

Un servizio avanzato per ridurre i costi di smaltimento

Economia circolare: come distinguere un rifiuto da un sottoprodotto?

Sostenibiltà responsabile

Anche Lego ama il legno

Il progetto di Bullcrem Lack è una risposta alla carenza di materie prime

Dispersioni di grafene a basso impatto ambientale

Perchè si possono abbattere le emissioni di solventi in atmosfera con impianti a carboni attivi autorigenerabili con costi molto ridotti

Economia circolare

Migliorano sempre di più le vernici in polvere per legno e derivati grazie a Covestro

Abbattimento solventi di verniciatura con impianti a carboni attivi autorigeneranti

Cool materials

Trattare acque reflue di verniciatura invece di smaltirle: un risparmio economico notevole

Adapta mira a raggiungere il suo obiettivo di neutralità carbonica entro il 2050

Ridurre l’impronta ambientale a partire dalle vernici

Biossido di titanio e pericolosità

Rivestimenti organici di elevata qualità per calcestruzzo, cemento armato e altri materiali cementizi con vernici ultraviolette

Applied Graphene Material annuncia che il Regolatore Europeo ECHA ha approvato l’uso della polvere di grafene a grandi volumi

Strumenti personalizzabili e dinamici di marketing e vendita

È il momento di risparmiare il più possibile nella spruzzatura di vernici in polvere

Economia circolare nella verniciatura a polveri

Come decorare ad effetto le superfici con la verniciatura liquida e in polvere

Nuovi sistemi di filtrazione ecologici e ecocompatibili

Nanotecnologie di pretrattamento: la gestione etica dell’ambiente e esempi concreti di “economia circolare”

Il primo obbiettivo da raggiungere in verniciatura dopo il COVID-19: economia circolare in sostituzione di quella lineare

Estere fosfato di nuova generazione per formulazioni per la lavorazione dei metalli, basato su fonti rinnovabili

Come si proteggono oggi i materiali lapidei,il cemento armato e altro per esterno con vernici UV

Come utilizzare i sottoprodotti delle vernici in polvere come risorsa economica

Nuova tecnologia per ottenere l’effetto legno su profilati di PVC, alluminio e altri materiali per architettura

Effetto legno sui profili in PVC: meglio la vernice della pellicola

La nuova generazione di vernici in polvere rapide e a bassa temperatura

Comparazione tra differenti tipi di vernici UV

Leave a Reply