Da tempo ormai si utilizza l’idrogetto per preparare le superfici alla verniciatura di manutenzione di strutture metalliche, in generale con apparecchiature che utilizzano 40 e più litri ogni ora di acqua, allagando però tutta l’area sottostante.

Grazie alle continue ricerche di Gerardo Lamesta della società NTA di Caselle Torinese, che poi sono state industrializzate, è nato il processo “idrogetto mini”, che utilizza solo 2-4 kg/ora di acqua, che evapora istantaneamente durante l’applicazione a 1.250 bar di pressione (può operare anche fino a 2.500 bar senza creare difficoltà all’operatore), e senza bagnare la zona circostante.

Come è successo sulle superfici lapidee e di calcestruzzo dei Murazzi lungo il Po a Torino; come è successo ultimamente sul sommergibile Toti, esposto al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano.

In conclusione l’applicazione del sistema idrodinamico della NTA nelle operazioni di preparazione alla verniciatura manutentiva dei supporti di acciaio e di metalli non ferrosi – oltre di quelli lapidei, di calcestruzzo e di cemento armato – permette di ottenere operazioni pulite senza creare disturbo alle zone circostanti né formare grandi volumi di sottoprodotti da smaltire.

Sistemi di gestione i4.0. Un punto della situazione – p2

Verniciatura di pezzi di SMC e BMC: un’attualizzazione

Robotizzare semplificando

Metodi normati di controllo anticorrosivo in laboratorio

Le innovazioni tecnologiche da industrializzare negli impianti in funzionamento quando i costi del gas metano e dell’energia elettrica raggiungessero un momento insopportabile

Un alleato intelligente per l’ottimizzazione dei processi di verniciatura con azoto in sostituzione di aria compressa

Sistemi di gestione i4.0. Un punto della situazione – p1

Fonti energetiche alternative

Un sistema robotizzato per la levigatura di finestre di legno

Vantaggi nell’impiego dei sistemi di verniciatura elettrostatica

Impianti “a moduli” di verniciatura manufatti plastici, una alternativa vantaggiosa all’impiantistica in linea

Ciclo polvere su polvere: benefici economici, ambientali e qualitativi

Leave a Reply