La Rivista del Colore, con la collaborazione dell’Anver, organizza il 26-27 ottobre prossimo, i P&E Coating Days al Museo Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano, per riunire tutta la filiera della verniciatura industriale e dei trattamenti di superficie. Lo scopo è quello di informare sulle innovazioni di prodotto e d’impianto, che possono essere industrializzate per migliorare la tecnologia verniciante e, nello stesso tempo, ridurre gli aspetti economici. L’evento si terrà in persona ma vuole aprire delle finestre su quanto avviene internazionalmente. I principali temi che saranno dibattuti sono sotto riportati.

PRETRATTAMENTO

Il 27 ottobre si terrà il consueto convegno “Nanotecnologie”, giunto alla ventiduesima edizione, che illustrerà, grazie alla partecipazione delle principali aziende che producono soluzioni di pretrattamento nanotecnologiche alla verniciatura, tutti gli aggiornamenti qualitativi, applicativi, ambientali ed economici, rispetto ai pretrattamenti tradizionali del passato.

CATAFORESI E CHEMIFORESI

Con i notevoli aumenti dell’energia elettrica c’è la possibilità di sostituire la cataforesi (funzionante solo con l’elettricità) con la chemiforesi, che funziona ad immersione fisica, reagendo chimicamente con il supporto metallico, dando risultati qualitativi di resistenza alla corrosione uguali alla cataforesi, eliminando completamente i costi dell’uso di energia elettrica.

APPLICAZIONE VERNICI ALL’ACQUA

Lo sviluppo della verniciatura elettrostatica con fondi e smalti all’acqua sarà presentato dai principali produttori di apparecchiature di spruzzatura. Tra questi Wagner, che permette rivestimenti ottimali grazie a sistemi di regolazione individuale sui pezzi anche molto complessi, e Ravarini Castoldi, con l’utilizzo di campane rotanti di spruzzatura che non necessitano isolamento elettrico del circuito dando rese applicative superiori al 29% senza necessità di pulizie manutentive per il cambio colore.

RECUPERO E RIUTILIZZO DELL’OVERSPRAY DI SPRUZZATURA

Tema di grande interesse è la riduzione dell’overspray di verniciatura, che con l’applicazione elettrostatica di smalti all’acqua si riduce drasticamente. Quali altre soluzioni sono disponibili? Come ridurre ulteriormente l’overspray?

POLVERI A TEMPERATURA DI POLIMERIZZAZIONE DI 120- 140°C

Per fronteggiare gli spropositati aumenti dei costi del gas metano saranno presentate le polveri che induriscono a 120-140 °C durante 3-8 minuti, permettendo un risparmio del 60% rispetto a quello tradizionale di polimerizzazione a 180°C per 15-20 minuti: sono prodotte in ogni colore e finitura.

RECUPERO E RIUTILIZZO DELLE, POLVERI “FINI” NON PIÚ UTILIZZABILI SULL’IMPIANTO

Le vernici in polvere di dimensione granulometrica troppo piccola, dette “fini”, che non sono più utilizzabili (normalmente il 5-10%) nell’applicazione elettrostatica e, se smaltite, vengono considerate rifiuto speciale, con spese non indifferenti, se trattate in modo adeguato, secondo normativa, possono essere considerate un sottoprodotto industriale e, quindi, recuperabili e riciclabili come materia prima secondaria nella fabbricazione di altre vernici in polvere: un vero esempio di economia circolare (non si spendono soldi per lo smaltimento; si recupera materia prima in questi momenti di carenza strutturale).

FORNI CON RISCALDAMENTO A PANNELLI CATALITICI IR

Un altro miglioramento economico dei costi per il riscaldamento dei forni di cottura di vernici liquide e in polvere è confrontabile tra l’utilizzo dei forni ad aria e quelli che utilizzano pannelli catalitici IR, che riducono il tempo di cottura della metà, aumentando per questo la velocità produttiva e consumando solo il 30% di gas.

IMPIANTO DI VERNICIATURA O PARTI DI ESSO 4.0

Saranno presentati da specialisti le opportunità che la digitalizzazione e l’automazione consentono per aumentare l’efficienza e migliorare l’organizzazione della produzione.
In una verniciatura, quali sono i dati utili per aumentare la qualità delle superfici? Quali strumenti sono disponibili per gestire il flusso dei dati? A queste domande si cercherà di dare le risposte necessarie ad aumentare l’efficienza dei processi.

RIDUZIONE DEL 50% DEI CONSUMI DI ACQUA SULL’IMPIANTO

Sull’impianto di verniciatura i consumi di acqua sono notevoli, in particolare nella fase di pretrattamento dovuti al risciacquo dello sgrassaggio e della tradizionale conversione chimica della soluzione fosfatica, cromatante, nanotecnologica: le soluzioni, inquinate, devono essere poi trattate oppure smaltite con notevoli costi. Esistono nuovi prodotti nanotecnologici sia di sgrassaggio che di conversione chimica che riducono gli sprechi? Ad esempio, le apparecchiature di nebulizzazione permettono di eliminare lo smaltimento? Riducono il consumo di acqua nei processi? É possibile avere un risparmio economico preciso, e migliorare il processo anche dal punto di vista ambientale?

CONCLUSIONE

P&E Milano Coating Days riunisce il settore dei trattamenti di superficie con l’intento di presentare e dibattere sulle innovazioni che permettono il miglioramento delle operazioni dal punto di vista tecnico, ambientale ed economico per chi vernicia in proprio e per conto terzi.

Le aziende sponsor dell’evento sono disponibili, all’interno del magnifico spazio del padiglione aeronavale del Museo Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano ad accogliere i visitatori e informare come affrontare in concreto l’utilizzo delle innovazioni presentate.

Ci sono le fiere tradizionali…e poi c’è P&E MILANO COATING DAYS

Proseguono con entusiasmo i preparativi per P&E Milano Coating Days

Collaborazione con chi vernicia per essere in grado di sostituire le materie prime sempre più costose, migliorando decisamente l’ambiente

The Vision of Colour

Innovazione negli impianti di verniciatura di pezzi plastici: dalla linea in continuo al sistema a moduli

P&E Vigo Coating Days, un momento cruciale di confronto e dibattito

Che cosa ci è piaciuto alla Milano Design Week

Formazione di ispettori di collaudo qualitativo di cicli protettivi

Leave a Reply