was successfully added to your cart.

Carrello

L’Italia è leader europea della verniciatura per conto terzi: la SVE di Solaro, in provincia di Milano, è una delle prime in Italia. Su di un’area di 34.000 m2, dei quali ben 10.000 dedicati alla verniciatura (vedere layout nelle due pagine) e altri 8.000 ad altre attività produttive di contorno, sono installati 7 impianti di verniciatura, di cui 5 a polveri (3 in continuo e due statici oltre a 2 impianti che utilizzano vernici all’acqua: una grande isola ambientalmente sostenibile e impeccabile nell’area industriale di Solaro).

Franco Austoni, il titolare, ha recentemente installato due innovative cabine di spruzzatura polveri (prodotte dalla Nixon Systems di Paderno Dugnano, in provincia di Milano), che integrano, nella fase applicativa, le più avanzate tecnologie di pretrattamento e di verniciatura adottate negli impianti. L’innovazione è dovuta al fatto che nelle cabine viene modificata la modalità di aspirazione dell’overspray e aggiorna il tradizionale Centro Polveri semplificando il cambio colore, il recupero e la redistribuzione della polvere recuperata. Il sistema di aspirazione nella cabina di PVC (sandwich da 100 mm) viene effettuato tramite un filtro finale, dotato di cartucce in poliestere e ugelli tipo fisso per la pulizia automatica. La cabina ha una zona di ritocco con porta di chiusura in automatico per la fase di pulizia, mentre sull’altra zona di ritocco è fissa. Il piano cabina viene pulito in automatico per mezzo di un sistema di soffiaggio, posto al centro, invece della classica aspirazione, regolato da un PLC. Il programma è impostato in modo che ciclicamente viene immessa aria per soffiare la polvere caduta sul pavimento verso le due fessure di aspirazione poste lungo le due pareti. Anche il Powder Center è l’ultima versione del centro di alimentazione polveri.

I suoi principali vantaggi rispetto alla tradizionale versione sono che l’unità di alimentazione polvere alle pistole è completamente chiusa, quindi senza avere fuoriuscita di polveri. Grazie ad una bilancia elettronica, dopo lo start, tramite una pompa, la vernice in polvere viene trasferita nell’unità di alimentazione fino al raggiungimento dei 4 kg e, in fase di lavoro, quando il peso della polvere scende fino a 3 kg, in automatico la polvere viene reintegrata (questi valori sono parametri impostabili). Sempre grazie alla bilancia, che si interfaccia con il PLC a fine giornata, si può verificare quanta polvere sia stata utilizzata. Un secondo vantaggio operativo è che la polvere recuperata viene immessa nell’unità di alimentazione dove sono stati caricati 4 kg: in questo modo nella scatola rimane sempre polvere vergine ed un eventuale inquinamento avverrebbe solo nella quantità presente nell’unità, evitando così di sporcare tutto il contenuto della polvere non ancora utilizzata. La pulizia avviene per mezzo di un automatismo interno, che soffia in pressione tutti i tubi di polvere e di recupero.

LA VISITA


Accompagnati da Franco Austoni e Sergio De Venezia, rispettivamente titolare della SVE e della Nixon Systems abbiamo visitato le linee di verniciatura a polveri e con prodotti all’acqua di una delle più importanti aziende di verniciatura conto terzi presente in Europa che propone il completo uso di prodotti al più basso impatto ambientale e totalmente sostenibili. Si tratta di 5 linee, di cui tre in continuo, capaci di soddisfare le esigenze di qualità dei manufatti verniciati in serie e due impianti statici per trattare a polveri pezzi di grandi dimensioni e peso, progettati per offrire al settore della protezione anticorrosiva verniciature a superiore resistenza alla corrosione in ogni condizione ambientale.

IMPIANTI DI VERNICIATURA ALL’ACQUA

I due impianti di verniciatura all’acqua – mano unica di fondo-finitura di un solo prodotto e di alto spessore offrono notevole risultato qualitativo con l’uso di prodotti speciali a base acqua.

Gli aggettivi si sprecano se si vuole riassumere in poche parole i risultati dati dagli smalti di fondo- finitura utilizzati dalla SVE. Ma due sono sicuramente significativi, come ci ha sottolineato Austoni, perché indiscutibili e ineguagliabili. Indiscutibile è la validità dell’uso di fondi-smalti all’acqua dal punto di vista qualitativo. Ineguagliabili la loro funzione di mantenimento di un ambiente ecologico, soprattutto in un’azienda di verniciatura per conto terzi, in presenza di 7 impianti tutti funzionanti in soli 10.000 m2 di area occupata (e soprattutto di un’economicità notevole rispetto all’uso dei prodotti tradizionali).

PROCESSI E TECNOLOGIE APPLICATE


Nell’area 1 i pezzi, caricati sulla linea di verniciatura a polvere, vengono inviati alla fase di pretrattamento, asciugati, inviati alla innovativa cabina di verniciatura, al forno di polimerizzazione a 180°C per raggiungere poi lo scarico.

Nell’area 2 il processo è identico al precedente, caratterizzato sempre dalla seconda cabina Nixon prima di essere inviato al forno di cottura.
L’altro impianto è specifico per la verniciatura di profili in alluminio.

Nelle aree 3 e 4 (dove ci sono i 2 impianti statici) il pretrattamento, indipendentemente dalle notevoli dimensioni dei pezzi da proteggere dalla corrosione, è sempre eseguito nell’apposito tunnel oppure, quando è necessario preparare i pezzi calaminati alla sabbiatura, si inviano nell’apposita area di sgrassaggio e lavaggio.

Nell’area 5, dopo il tunnel di pretrattamento, i pezzi sono trasportati nella zona di verniciatura con vernici all’acqua, senza sostare nella cabina di applicazione del primer anticorrosivo non più necessario e successiva polimerizzazione a forno.

Nell’area 6 il processo di verniciatura all’acqua consiste di:

  • pretrattamento metallico nell’apposito tunnel
  • verniciatura di fondofinitura anticorrosivo
  • polimerizzazione a forno (fig. 31).

Infine nell’area dedicata alla protezione anticorrosiva di strutture metalliche con calamina di ogni dimensione e peso son disponibili due grandi cabine di sabbiatura manuale e un impianto di granigliatura automatica.

CONCLUSIONE


É stato facile percepire immediatamente i vantaggi operativi, i risultati prestazionali, ottenibili con le polveri di finitura e con fondi-finiture all’acqua, in una sola applicazione, e i vantaggi ambientali in una azienda terzistica di queste dimensioni. Al visitatore non è rimasto altro che confermare la grande capacità della SVE di presentarsi come terzista che offre il servizio di verniciatura “universale”, cioè per più settori e soluzioni:

  • per l’efficacia applicativa
  • per l’estetica molto buona
  • per le notevoli prestazioni di durata anticorrosiva della mano unica fondo-finitura all’acqua
  • per l’economicità numerica della produzione e della manodopera
  • per l’ecologicità delle operazioni
  • per la sicurezza e l’igiene del lavoro e nell’ambiente esterno.

Un’azienda unica nel settore della verniciatura per la capacità di sintesi tra alta tecnologia, semplicità operativa, elasticità produttiva e tutela ambientale interna ed esterna, in grado di proporre finiture di ogni tipo, dotata di manodopera specializzata ma avendo raggiunto un’automazione quasi completa dei processi (il carico e lo scarico è ancora manuale). Il cammino giusto per percorrere le strade della nuova fase dell’innovazione e digitalizzazione a sempre minor impatto ambientale.

GALLERIA

Leave a Reply

ERROR: si-captcha.php plugin: GD image support not detected in PHP!

Contact your web host and ask them to enable GD image support for PHP.

ERROR: si-captcha.php plugin: imagepng function not detected in PHP!

Contact your web host and ask them to enable imagepng for PHP.

DutchEnglishFrenchItalianSpanish